venerdì 9 dicembre 2016

Blogtour La laguna della spia





Ci sono libri che ti arricchiscono così tanto che ne parleresti in continuazione, con chiunque si fermi ad ascoltarti. I romanzi di Virginia De Winter sono così e La spia del mare non fa eccezione. Per questo ci siamo imbarcate in questa nuova avventura, salite in gondola con noi e avventuriamoci tra le misteriose calli di Venezia, in compagnia di un gruppo di spie che ci faranno sognare...


IL LIBRO

Titolo: La spia del mare
Autrice: Virginia de Winter
Genere: Storico
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 25 Ottobre 2016
Punto di vista: terza persona
Livello di sensualità: medio

Trama: È il 1741. Mentre la scintillante e cosmopolita Repubblica di Venezia si prepara per le celebrazioni del Carnevale, una spia inglese di nome Cordelia Backson si mette sulle tracce di un feroce gruppo di assassini che celano la loro identità dietro le maschere della Commedia dell'Arte.
Cordelia è bella e pericolosa, in grado di maneggiare ogni tipo di arma, esperta di combattimento e di intrighi politici, ma ancora ignora che qualcuno progetta la distruzione della Serenissima. E che l'uomo a capo di questo efferato complotto è profondamente legato alla sua vita e a quella di ogni singolo componente della sua famiglia – i Giustinian. Sarà proprio ricostruendo ciò che è accaduto in passato che Cordelia si troverà a sciogliere gli enigmi che coinvolgono i suoi genitori e la sua gemella Cassandra.
Ma a tormentarla c'è anche altro: Cassian D'Armer, un giovane uomo alto e bruno di sconvolgente bellezza, il cui sguardo fiero e cupo intimidisce chiunque tenti di avvicinarlo e che il caso ha messo sulla sua strada.
Sarà Cassian ad accompagnarla nella sua missione insieme a tre amici: Alain de Mortemart, un aristocratico francese fuggito dalla corte di Versailles, il giovane abate Giacomo Casanova, libertino impenitente, e un nobile spagnolo in esilio volontario. Nessuno di loro è un cittadino gradito alla Repubblica, ognuno nasconde terribili segreti, ma, quando il pericolo incomberà su Venezia, il Doge non esiterà a reclutarli come spie, promettendo in cambio la grazia per i loro delitti e rischiando di portare alla luce il più oscuro tra i misteri che offuscano la storia della Serenissima.
Attraverso un'attenta ricostruzione storica, affiancando con maestria personaggi reali e di finzione, con una scrittura appassionata e accesa di accattivante umorismo, Virginia de Winter dà vita a un thriller incalzante dalle atmosfere tenebrose, portando sulla scena popolata dalle maschere del Carnevale agenti segreti, alchimisti e uomini di Stato. Un romanzo coinvolgente e unico, che è anche un grande omaggio alla città di Venezia.

LE TAPPE


Per non rivelarvi troppo della trama, abbiamo pensato di focalizzare le tappe sugli indimenticabili personaggi, mettendoli a confronto in un faccia a faccia che ogni blog interpreterà a modo proprio. Curiosi? Ne vedrete delle belle!
Nella penultima tappa concederemo la dovuta attenzione a Venezia, la quale è così presente nel romanzo da potersi considerare a tutti gli effetti una protagonista.  Ogni blog parlerà di un aspetto di questa magica città, la musica, la moda, l'arte e le maschere. Ma naturalmente le sorprese non sono finite!

IL GIVEAWAY

Vista l'importanza che le maschere rivestono nel romanzo, abbiamo pensato che niente di più adatto potesse essere messo in palio. Nelle singole tappe, ad ogni personaggio protagonista del faccia a faccia verrà assegnata una maschera: nera o bianca. Voi dovrete scegliere da che parte schierarvi. Siete delle maschere nere o maschere bianche? 
Scegliete quale personaggio vi rappresenta di più e potrete portarvi a casa una delle due maschere che vedete qui sotto... e se non arriveranno in tempo per Natale, avrete già qualcosa di chic da indossare a Carnevale!


Le regole sono semplici:
  1. essere lettori fissi di tutti i blog;
  2. condividere su Facebook il post di presentazione del Blogtour di uno qualsiasi dei blog partecipanti e taggare almeno 3 amici;
  3. commentare tutte le tappe dicendo cosa è piaciuto oppure perché vorreste leggere il libro e, sotto la tappa del personaggio scelto, scrivere con quale dei personaggi si vuole partecipare al giveaway (cosa che determinerà il colore della maschera);
  4. mette il like alla pagina Facebook dei blog partecipanti 


I BLOG 

I blog amici che ci accompagneranno in questa avventura sono:


Le pagine Facebook:


Siete pronti? 
Allora ci vediamo lunedì 12 sul blog Reading at Tiffany's 
con il primo faccia a faccia tra Cordelia e Cassandra. 

Test for Bookaholic: un fidanzato sotto l'albero

Oggi inaugura una nuova rubrica, che avrà cadenza mensile e che condivido con la mia compagna di avventure Deb di Leggendo Romance: Test for Bookaholic↠ abbiamo pensato di proporvi una volta al mese un test a tema libroso. E da cosa partire se non da quale fidanzato di carta trovare sotto l'albero?
Rispondete alle domande e poi scoprite sul mio blog o su quello di Deb il risultato!

Buon divertimento



1) Dove ti piacerebbe trascorrere il Natale

A. In un paesino innevato del New Hampshire
B. In una grande casa piena di ricordi di famiglia
C. In viaggio, ovviamente
D. Su un’isola poco abitata imbiancata dalla neve
E. Tra le montagne innevate del Vermont
F. Nella magica Londra vestita a festa
2) Se dovessi pensare a un piatto a cui abbinare il tuo "fidanzato natalizio" a quale penseresti?
A. Una cioccolata speciale.
B. Un'omelette
C. Un piatto di carne succulento
D. Torroncino morbido, duro all’apparenza ma con un interno tenerissimo
E. Panettone classico della tradizione
F. Biscotti allo zenzero che uniscono la dolcezza a un pizzico di piccante
3) Che regalo ti farebbe il tuo perfetto fidanzato natalizio?

A. Un gioiello che ci rappresenti
B. Un oggetto speciale che potete capire solo voi due
C. La promessa di un futuro insieme
D. Una giacca che possa riscaldarti nelle giornate più fredde durante un viaggio assieme
E. Un paio di pattini per pattinare su un lago ghiacciato
F. Una canzone
4) Com'è l'aspetto dell'uomo che vorresti baciare sotto il vischio?

A. Occhi scuri e capelli scuri e spettinati, look casual
B. Capelli scuri, mascella decisa, elegante e trasuda un senso di potere.
C. Una bellezza ruvida, con alcune rughette d'espressione segno di una vita interessante
D. Capelli color ebano, fisico scolpito con il fascino dell’uomo avventuroso
E. Alto, spalle larghe, capelli neri
F. Alto, sexy, con i capelli castani mossi e gli occhi verdi
5) Che tipo di Natale ti piacerebbe trascorrere?

A. Insieme ai miei cari e agli amici,
B. Preferirei non festeggiarlo, ma devo e quindi prima il party con gli amici e poi cena in famiglia
C. Da sola con il mio compagno sulle pista da sci.
D. In coppia con gli amici
E. Assieme al calore della famiglia
F. Accoccolata tra le braccia del proprio compagno mentre fuori nevica


Se la maggioranza delle vostre risposte è A, B oppure C ecco a voi i vostri fidanzati di carta dal mettere sotto l'albero… Altrimenti passate dal blog di Deb per scoprire le risposte Leggendo Romance


Maggioranza di risposte A
Il tuo fidanzato ideale è un amico di infanzia, il tuo più caro amico. Con lui condividi tantissime cose, vi conoscete alla perfezione.  E quindi vi cuccate Ashton Kutcher… Fortunelle!!! Il personaggio di carta di cui vi parlo è  Peter Harper, il protagonista del libro Ti amo già da un po' di Tania Paxia





Maggioranza di risposte B
Ricco, con qualche problemino emotivo, incredibilmente bravo sul lavoro e dal cuore grande. Se avete
scelto le risposte B allora vi troverete infiocchettato sotto l'albero Hugh  Jackman: insomma un bel tipo.
Se volete scoprire di più di questo fascinoso personaggio leggete di Robert Marley in Il regalo più grande di Jenny Hale, Leggereditore









Maggioranza di risposte C
Ex reporter di guerra, 40 anni, una vita intensa e molto avventurosa. Come tutti i giornalisti è curioso
(molto, lo so), attento e ama il genere umano. Io me lo sono immaginato come il bello bellissimo Jake Gyllenhaal. Il suo corrispondete di carta è Tom, protagonista di A casa per Natale di David Baldacci - Mondadori

giovedì 8 dicembre 2016

Cover Reveal: Loving the demon + booktrailer


Oggi ospitiamo il cover reveal del romanzo di una nuova autrice emergente: "Loving the demon" di Nicole Teso, realizzata dalla bravissima Pamela Fattorelli/Catnip Design.



Loving the demon 
Nicole Teso
Dark Romance
Self - publishing
Data di pubblicazione: 30 Gennaio 2016 (ebook + cartaceo)

Trama
Las Vegas era l’occasione per iniziare una nuova vita e seppellirmi il passato alle spalle.
Non avrei mai potuto immaginare che sarei stata rapita e rinchiusa in una cella buia, pronta a diventare una schiava del piacere.
Jake Evans mi distruggerà, piegandomi ai suoi desideri e consumando la mia anima.
Lui è la mia condanna a morte.

Lei avrebbe dovuto essere una prigioniera come tutte le altre, pronta a soddisfare i desideri dei miei clienti.
Non avrei mai potuto immaginare che mi avrebbe dato così tanto filo da torcere.
Brittany Moore sta sfondando le barriere nella mia testa, facendomi crollare e riportando a galla un passato che credevo sepolto.
I demoni mi stanno reclamando…
Lei è il mio tormento.




Di seguito anche il booktrailer ufficiale del romanzo e un graphic teaser . ♥

video






L'AUTRICE

Nicole Teso nasce il 10 novembre 1996 a San Donà di Piave, una città in provincia di Venezia.

Parrucchiera di giorno e lettrice compulsiva di notte, è amministratrice di un blog letterario e ama la scrittura fin dalla tenera età.
Le sue storie preferite sono popolate da protagonisti oscuri e devastati.
Loving the demon è il suo primo romanzo.
Per essere sempre aggiornato sulle novità, clicca "mi piace" alla pagina ufficiale.

mercoledì 7 dicembre 2016

Libri & cucina con Francesca: Natale e misteri



Questa settimana cominciamo ad addentrarci nell'atmosfera delle feste con un piatto che può star bene, anche esteticamente, sulle tavole imbandite per il Natale: un risotto rosso ai peperoni e paprika.
Fra le luci e gli addobbi natalizi di una Parma frenetica dei giorni di festa si svolgono anche le indagini del commissario Soneri, alle prese con un delitto che lo riporta indietro al tempo della sua gioventù: il libro abbinato questa settimana è L'affittacamere di Valerio Varesi.
Buon appetito e buona lettura!

L'affittacamere 
di Valerio Varesi
Frassinelli

Trama
Mancano pochi giorni a Natale, la nebbia e il freddo mordono Parma, in preda alla gioiosa frenesia che precede le feste. Ma al commissario Soneri tutta quell'agitazione mette solo malinconia e malumore, specialmente da quando ha avviato l'inchiesta sull'inspiegabile omicidio di Ghitta Tagliavini, l'anziana titolare di una nota pensione nel centro storico. La vittima lui la conosceva bene: nelle sue stanze aveva incontrato Ada, la ragazza che aveva sposato e purtroppo perso troppo presto in circostanze drammatiche. Ma le ricerche gli rivelano molti dettagli inquietanti: Ghitta non era la disponibile affittacamere che rammentava, ma una donna temuta e senza scrupoli, che si era arricchita trasformando la pensione in un albergo a ore e praticando aborti illegali. Forse la spiegazione della sua brutta fine va cercata in queste attività illecite, ma forse c'è dell'altro, qualcosa di più misterioso che il commissario oscuramente teme, perché intuisce legato anche al suo matrimonio e ai suoi sentimenti più profondi¿ Un giallo d'atmosfera, dove al crescendo della suspense si accompagna un dolente scavo nella psicologia dei vari personaggi, per svelare infine, insieme con la soluzione del crimine, un secondo, ancor più irrimediabile dramma.





Risotto peperoni e paprika

Ingredienti per 4 persone
40 grammi di pecorino stagionato
40 grammi di Parmigiano Reggiano
30 g di scalogno tagliato a metà
150 grammi di peperone rosso a pezzi di 2-3 cm
100 g di pomodorini a metà
20 grammi di olio extravergine di oliva
un cucchiaino di sale
un pizzico di zucchero
320 grammi di riso Carnaroli
50 grammi di vino bianco
20 g di concentrato di pomodoro
850 grammi di acqua
un cucchiaino di paprika dolce
un dado per brodo vegetale (dose per mezzo litro)

Con il Bimby:
mettere nel boccale il parmigiano reggiano e il pecorino, grattugiare 10 secondi a velocità 10. Trasferire il mix di formaggi in una ciotola e tenere da parte. Mettere nel boccale lo scalogno, il peperone rosso e i pomodorini e tritare 20 secondi a velocità 8, riunire sul fondo con la spatola. Unire l'olio extravergine di oliva, sale e zucchero, cuocere 8 minuti a 100 gradi, velocità 1. Trasferire il sugo in una ciotola e tenere da parte. Senza lavare il boccale mettere 20 grammi di burro e il riso, tostare 3 minuti a temperatura varoma, antiorario, velocità 1, senza misurino. Aggiungere il vino e sfumare un minuto a 100 gradi, antiorario, velocità 1, senza misurino. Unire il sugo, il concentrato di pomodoro, l'acqua, la paprika e il dado vegetale, mescolare a fondo con la spatola per smuovere il riso e cuocere con il cestello al posto del misurino per il tempo indicato sulla confezione a 100 gradi, antiorario, velocità 1. Far riposare il risotto all'interno del boccale per un minuto. Trasferire il risotto in una risottiera, mantecare con il mix di formaggi e il rimanente burro. Servire caldo in piatti singoli.

Senza il Bimby:
Tritare nel mixer il parmigiano reggiano e il pecorino. Tenere da parte.
Nel mixer tritare lo scalogno con il peperone e i pomodorini. Versare il composto in una padella con l'olio, il sale e lo zucchero e cuocere per una decina di minuti. Tenere da parte.
Nella pentola tostare il riso con 20 g di burro. Sfumare con il vino bianco, quindi unire il sugo, il concentrato di pomodoro, la paprika e aggiungere il brodo vegetale a più riprese fino a che il risotto sarà pronto. Far riposare per un minuto, quindi mantecare con il mix di formaggi e il restante burro. Servire caldo in piatti singoli.

martedì 6 dicembre 2016

I martedì delle ragazze: citazioni e tazze di tè

Buona sera con la rubrica del martedì che condivido con le mie amiche Deb di Leggendo Romance e Isa de Il Bosco dei sogni fantastici. L'argomento principale sono le nostre citazioni preferite, ecco quelle che abbiamo scelto.



Deb - Leggendo Romance: «L'amore è sincero e generoso. Non conosce egoismo e non pretende
nulla [...] È una tazza di tè bollente a letto in una giornata fredda, un massaggio ai piedi quando hai camminato per ore, un orecchi capace di ascoltare e una parola di incoraggiamento in un momento di difficoltà. È aperto, accogliente, tollerante, non cerca di cambiarti. È dare, non pretendere. È azione, non parole»  "Natale a Puffin Island" di Sarah Morgan -  HarperCollins Perché l'ho scelta? Semplicemente perché leggendola mi ha emozionato, perché l'amore dovrebbe essere questo, almeno per me. Le parole certo a volte servono, ma i gesti sono quelli che contano e trasmettono il vero sentimento. Chi ti sta accanto deve incoraggiarti e lasciarti essere ciò che sei realmente, sorreggerti nel momento del bisogno e gioire degli obiettivi che raggiungi (e viceversa, ovviamente).



Isa - Bosco dei sogni fantastici: «[...] Ascolta, non è complicato che tu sia attratta dalle donne,
per esperienza posso dirti che è complicato dichiararsi! Quella è la parte che richiede coraggio! Ma provare dei sentimenti non è complicato, è inconscio. E non venirmi a dire che non è normale! Come si fa a dire se una cosa è normale? Perché è giusta»
"Ti ho cercato tra le nuvole" di Federica Loreti -  Les Flaneurs Edizioni
Ho scelto questo passaggio poiché parla da solo: i sentimenti sono inconsci, liberi, concreti.. siamo noi che ci facciamo mille problemi per convivere con loro e nient'altro. Quanto alla normalità.. chi può ergersi a giudice della cosa?






Virgi - Le Recensioni della Libraia: «Entrare nelle vite altrui è, ogni volta, smarrire la propria.
Per acchiapparla di nuovo ho bisogno di caffè e sigaretta. E passi veloci».  Mariani e il peso della colpa di Maria Masella - Frilli Ho scelto questa frase perché esprime bene come si sente il protagonista, il commissario Mariani, mentre indaga sulla vita delle persone: un lavoro difficile. Capire gli altri è anche capire se stessi

Segnalazione: Correzioni pericolose

Oggi vi segnalo un libro uscito il 28 ottobre nella collana Youfeel della Rizzoli, un romanzo perfetto per trascorrere qualche ora di sano divertimento: Correzioni pericolose di Rebecca Woodcrest

Correzioni pericolose
di Rebecca Woodcrest
Rizzoli  Youfeel

Trama
In amore è tutta questione di stile…
Scaricata da un fidanzato mediocre, licenziata da un lavoro mediocre, quasi sfrattata da un appartamento mediocre. Per Alice è proprio il momento di cercare qualcosa di meglio… qualcosa che vada oltre la tranquilla routine. Quando un amico le offre un posto di cameriera presso l’albergo di suo cugino, in un piccolo e idilliaco paesino della campagna inglese, Alice molla Londra e le sue comodità per lanciarsi in quell’avventura: una nuova vita, un nuovo lavoro, forse un nuovo amore e magari anche l’occasione per correggere quel famoso romanzo che da troppo tempo è chiuso in un cassetto! Certo, ci vorrebbe un svolta nella trama, qualcosa che possa davvero trasformare un romanzo comune nel bestseller tanto atteso. E l’incontro con il misterioso Edwin Bannister, illustre ospite dell’Hillgrove Manor, nonché potente editor londinese, sembra proprio perfetto… resta da vedere se è una questione di editing o di cuore.

Rebecca Woodcrest è autrice di numerosi romanzi, dal fantasy al romanzo rosa tradizionale, dal genere erotico alla giallistica. Laureata in Letteratura, vive a Portsmouth, nel Regno Unito, col suo compagno e un’infinità di libri.

Facebook: https://www.facebook.com/profile.php?id=100010469888741&fref=ts
Instagram: https://www.instagram.com/rebeccawoodcrest_scrittrice/







Mariani e il peso della colpa - Indagine a Coronata

«Solo chi muore resta uguale»

Mariani e il peso della colpa - Indagine a Coronata
di Maria Masella
Frilli

Trama
Le giornate si trascinano nell’apatia, quando in un campo a Coronata, sulle alture di Cornigliano, nel ponente di Genova, viene trovato il corpo di un uomo. È Alberto Delorenzo, un manager di successo scomparso da due anni. Il commissario Mariani dovrebbe indagare, ma sente la mancanza di qualcuno con cui confrontarsi, perché l’ispettrice Petri è chiusa in un ostinato silenzio e lui non vuole o non sa come smuoverla. Capisce che la sua collaboratrice si sente responsabile per la morte di Bareto… Come lui. Ma il caso deve essere risolto, l’omicida deve essere trovato. Poco per volta Mariani comincia a indagare, forse più interessato a ricostruire la vita di Alberto che a trovare chi l’ha ucciso.


Due fratelli morti ammazzati, un mistero che fa perdere le sue tracce vent'anni prima, una Genova dai toni misteriosi e affascinati e un protagonista che sembra reale: "Mariani e il peso della colpa" di Maria Masella edito da Frilli (che ringrazio per la copia cartacea del romanzo) è un libro che scivola rapido, rapisce il lettore e lo fa immergere in una storia dove un quadro del Masaccio e il suo significato fanno emozionare anche chi, come me, dell'arte sa ben poco


«È stata la capacità di Masaccio a tenerlo inchiodato, 
facendogli ritrovare sempre qualcosa di più»


Leggere la storia di Maria Masella significa lasciarsi trasportare su un terreno sconosciuto fatto di misteri, false piste, intrecci, valigette che non si trovano e opere d'arte che infittiscono il mistero.
Una trama ingarbugliata che l'autrice riesce a rendere molto semplice e reale. Perché anche il commissario Mariani, ad esempio, deve fare i conti con la burocrazia, problemi personali e idee che proprio non si vogliono far acchiappare.

«È strano come funzioni i ricordi. Sentendo la sua voce, l'ho rivisto. 
Impeccabile e severo».

La Masella tratteggia un protagonista molto credibile e umano, talvolta fallibile, tormentato dal passato, ma anche dai problemi, un uomo che non conosce orari, dedito al lavoro. Mi è piaciuto e recupererò altre letture che lo vedono protagonista.

Lo stile è asciutto, molto pulito e scorrevole. Maria Masella ha uno stile di scrittura che va dritto al punto, non si lascia trascinare in descrizioni azzardate e metafore: quello che vuole dire al lettore è messo nero su bianco e molto bene.



Genova ne esce come una città dai mille volti, dai quartieri più eleganti a quelli più popolari, dalle colline, ai portici troppo alti di piazza della Vittoria. Una città che io amo e che mi è piaciuto ritrovare in queste pagine.

Buona lettura