domenica 23 febbraio 2014

Una ragione per amare

"Eravamo impegnati in una danza molto intricata toccandoci senza toccarci, sapendo senza dirlo e provando qualcosa senza poterlo esprimere. Eravamo amici che camminavano su un cornicione molto sottile e io ero troppo presa dalla mia accresciuta consapevolezza della sua esistenza per capire quanto poco mancava perché quel cornicione si sgretolasse sotto i nostri piedi".


Una Ragione per amare
Rebecca Donovan
Newton Compton Editori (#1 della trilogia Il nostro segreto universo)

Amore e odio, questo libro li contiene entrambi a un livello molto intenso.
Amore, quello che si scopre lentamente, che piano piano ti travolge e ti accorgi di essere irrimediabilmente coinvolta quando ormai sei innamorata cotta. L'amore che è anche quello dell'amicizia,  profondo e indispensabile quanto quello romantico.
Odio, che si accompagna a violenza brutale e ingiustificata, che ti aspetta nelle quattro mura domestiche e ti attacca senza preavviso con una ferocia che lascia a bocca aperta.
Ogni ferita inferta ad Emma è stata anche un po' mia, su di lei si scatena una rabbia ingiustificata che fa ghiacciare il sangue nelle vene.
E' una lettura che spesso lascia senza fiato, soprattutto nelle attese che ho trovato ben calibrate, rispetto ad altri romanzi dove invece gli eventi scorrono via troppo velocemente.
La storia è quella di Emma, una ragazza che vuole essere invisibile, pur essendo bella e un'ottima studentessa e atleta. Ha solo un obiettivo, quello di resistere fino al college, per allontanarsi dal dolore di una casa dove vive come una sguattera e dove rischia sempre molto di più di una semplice strigliata.
Fino a quando sul suo cammino non incontra l'amore, che ha l'intelligenza e la bellezze di Evan l'unico, eccezion fatta per la sua amica Sara, che ha il coraggio di avvicinarsi a lei. E anche questa volta plaudo al protagonista maschile, che non è un eroe (come invece accade in altri romanzi simili), ma un ragazzo che si comporterebbe come molti altri suoi coetanei nell'affrontare una situazione difficile, anche commettendo degli errori.
Inutile sottolineare il fatto che ho amato questo libro, quasi ai livelli di quelli di Colleen Hoover.
E ho pianto, soprattutto per il dolore, perché questa volta il "cattivo" è veramente perfido e inaspettato.
Per fortuna si tratta di una trilogia… armatevi di pazienza, capirete dopo il finale.

mercoledì 19 febbraio 2014

Il fascino dell'oscurità

"Quanto possono essere profondi gli occhi di una persona? Si dice che proprio loro siano lo specchio dell'anima. Se la luce dentro a quegli occhi cambia tanto rapidamente in mille emozioni diverse nell'arco di pochi secondi, quanto si può effettivamente dire che l'anima sia salda all'interno di quel corpo?"


Il fascino dell'oscurità
di Isabel C. Alley
Ecco come acquistarlo

Da una parte ho il cuore spezzato, dall'altra mi sono invaghita di un altro personaggio. Insomma a conclusione della lettura de Il fascino dell'oscurità di Isabel C. Alley mi sento un po' come la protagonista. Ho sperato, incrociato le dita, cercato di trovare tracce di una redenzione da parte di uno dei miei (ex) personaggi preferiti, ma non c'è stata e forse è stato meglio così.
Tornano le avventure della cacciatrice Isabel Cariani e, come è stato per i due libri precedenti (Il diario di Isabel e Come into my wonderland), non mancano i colpi di scena, i momenti di tensione, le battaglie fino all'ultimo sangue, ma anche le situazioni sexy e divertenti. Una lettura che ti rapisce e che diventa difficile mollare, più volte mi sono ritrovata senza fiato, o con le lacrime agli occhi, oppure arrossita per la sensualità dirompente di un certo vampiro.
Il lettore si ritrova insieme alla protagonista a vivere delle vere e proprie montagne russe emotive, da cui Isabel esce maturata, più forte e indipendente e noi, invece, impazienti di leggere il seguito. I sentimenti sono sempre in primo piano, ma questa volta invece dell'amore, l'ancora di salvezza arriva dall'amicizia grazie a Jenny: giovane frizzante apprendista cacciatrice con cui Isabel stringerà un legame molto profondo. Tralascio volutamente la parte che riguarda l'amore, basti sapere che non mancheranno scene bollenti con un vero sex simbol.
Per saperne di più anche sul primo libro e sullo spin - off il sito dell'autrice farà luce su ogni dubbio
Consiglio vivamente tutti e tre i libri e mi aspetto di recensirne presto un quarto perché le domande che mi stanno tormentando, pretendono al più presto una risposta.

mercoledì 12 febbraio 2014

Raven boys

"Ci sono due motivi per cui un non - veggente dovrebbe vedere uno spirito la vigilia di San Marco, Blue. O sei il suo grande amore, o lo hai ucciso".


Raven boys (fa part della quadrilogia The Raven Boys Cycle)
di Maggie Stiefvater
Rizzoli

C'è Blue che ucciderà il suo grande amore, c'è la sua famiglia allargata di sole donne che si occupa di predizioni, ci sono i raven boys, i ragazzi corvo, e c'è la magia. Ho letto il libro di Maggie Stiefvater cercando di assaporarne ogni singola parola, perché lei è una di quelle scrittrici che sembra pesarle con estrema attenzione. Il risultato è incredibile, perché non solo c'è una storia assolutamente non banale, ma dalla sua penna nascono personaggi difficili da dimenticare. Tutti loro, principali e secondari, hanno ottenuto lo stesso impegno dall'autrice che ne ha tratteggiato con attenzione il carattere, le caratteristiche fisiche, ma anche alcune manie. Una dovizia di particolari e un'impegno che ho trovato solo nella Rowling.
Tralasciando la bizzarra protagonista e la cerchia dei quattro ragazzi corvo (cinque personaggi fantastici), non  si può rimanere indifferenti difronte alle abitanti  - appartenenti esclusivamente al genere femminile - del numero 300 di Fox Way, ovvero la famiglia di Blu, fra carte, predizioni del futuro più o meno precise e un aspetto che non può passare inosservato. Sarà che in qualche modo mi hanno ricordato parte della mia famiglia, ma le ho veramente adorate e spero che nei prossimi libri l'autrice dedichi al trio Maura, Persephone e Calla, un po' più spazio.
Personaggi del libro, a mio parere, sono anche la magia e la natura, che spesso si mescolano fra di loro, creando scenari che difficilmente si possono dimenticare (foreste incantante, laghetti dai pesci speciali e alberi cavi che celano segreti oppure parlanti). Ma anche quando compaiono da sole (la lettura delle carte o il prato vicino alla casa di Adam) riescono a rimanere impresse nella mente del lettore.
E' uno di quei libri in cui ci si immerge e che, anche quando si è finito di leggere, capita di aver voglia di riaprire per fare un saluto ai personaggi.
Insomma non vedo l'ora di poter tornare ad Henrietta.

venerdì 7 febbraio 2014

Ti aspettavo

"Mi baciò come se fosse in debito di ossigeno e io fossi l'unica aria che aveva bisogno di respirare".



Ti aspettavo
J. Lynn
Editrice nord

Dialoghi brillanti, divertente, sexy ed emozionante. E' "Ti aspettavo" di J. Lynn (che altri non è che la  Jennifer L. Armentrout della saga Lux, qui la recensione di Onyx), romanzo new adult che inaugura una serie composta da quattro libri. 
Mi lamentavo sul blog giusto nel mio ultimo post che avevo voglia di leggere un libro che presentasse una situazione un po' diversa dal solito e sono stata accontentata. Anche in questo caso i due protagonisti, Avery e Cam, che si incontrano al college, hanno vissuto un dramma nel loro passato, ma a differenza di altri romanzi simili si "salvano da soli". Non voglio soffermarmi troppo su questo aspetto, per non svelare dettagli della storia, dico solo che unicamente la forza d'animo e una serie di eventi portano a una svolta nella vita della protagonista. Mi è piaciuto molto, perché l'ho trovato reale. Non ci sono uomini eroici e protettivi, cavalieri dall'armatura scintillante, a salvare la protagonista in difficoltà, ci sono due giovani adulti, che portano con se un bagaglio pesante, che intralcia in qualche modo il loro rapporto, e sarà solo la sincerità a permettergli di lasciare la zavorra e andare avanti con la propria vita. 
Cam è un ragazzo normale, molto bello, intelligente e ironico, ma senza la sindrome del crocerossino. Avery, nonostante le sue debolezze e l'inesperienza, è una tipa tosta che gli sa tener testa a suon di battutine.
Mi è piaciuto, moltissimo. Soprattutto i dialoghi arguti e spassosi, che spesso mi hanno strappato una risata. E poi chi non vorrebbe un uomo come Cam, cuoco fantastico, con un discreto ego, ma che riesce a chiedere a una ragazza di uscire con lui per mesi, ricevendo sempre un no come risposta?
Lo consiglio, ma correrete il rischio di innamorarvi.

lunedì 3 febbraio 2014

Onyx

"Sai qual è l'unica cosa a cui penso sempre anche quando mi fai andare in bestia?"
"No" mormorai.
"Che sono fortunato, perché la persona più importante, quella a cui tengo più di ogni altra cosa al mondo, è ancora viva. E' ancora qui. E quella persona sei tu".


Onyx serie Lux
di Jennifer L Armentrout
Giunti

Secondo attesissimo capitolo della serie Lux, che narra le vicende di una stirpe di alieni, con nemici conosciuti e sconosciuti a dargli la caccia, sparizioni inspiegabili, amore e morte.
Che dire, il primo capitolo (Obsidian) mi aveva incuriosito molto, soprattutto perché a differenza di molti romanzi paranormal romance il rapporto fra i due protagonisti (Katy e Daemon) stenta a partire e i litigi fra i due sono molto brillanti e divertenti. Nel secondo capitolo questo aspetto un po' si perde, per fare spazio a una trama più complessa, dove spuntano nemici inaspettati, traditori che tramano nell'ombra e perdite dolorose. Un libro che si legge velocemente, ricco di colpi di scena, non troppo scontato, soprattutto nel finale. Com'è giusto che sia l'autrice lascia aperte molte domande e la sensazione che nel terzo capitolo si assisterà a battaglie senza esclusione di colpi.
Devo dire che la trama si presta particolarmente alla trasposizione cinematografica.
Consigliato a chi ha amato Roswell.

Detto questo mi permetto di fare una riflessione sui personaggi che sono un po' dei "classici" del genere. Premetto che il protagonista maschile, sexy, misterioso, forte e protettivo incarna il sogno di quasi tutte le donne, però sarebbe bello iniziare a leggere qualche libro con la trama rovesciata. Eroine sexy, forti e misteriose che si innamorano di bei ragazzi normali. Oppure cattive ragazze che vengono "salvate" dall'amore di un giovanotto semplice, studioso e magari anche un po' timido.
Insomma ci piace un sacco essere difese, amate senza alcun limite e corteggiate, ma non è detto che non ci soddisfi anche il contrario.