venerdì 29 agosto 2014

Per sempre insieme

"Non riesco a ricordare un momento in cui non abbia voluto stare con te".



Per sempre insieme
di Jessica Sorensen
Newton Compton

"Per sempre insieme" è l'ultimo capitolo di "The Secret Series" la serie di libri firmata da Jessica Sorensen che ci ha fatto innamorare di Ella e Micha.
Tirate fuori i fazzoletti perché, come ogni volta che si lasciano dei personaggi che per qualche motivo sono entrati nei nostri cuori, dirgli addio sarà veramente dura.
Sembra che finalmente per i due giovani sia arrivato il tanto atteso lieto fine (vi ricordate che passato difficile hanno i due alle spalle? Mamma suicida e depressa lei, papà scappato lui, ecc), ma questo si potrà scoprire solo al termine del libro, infatti Ella e Micha saranno ancora una volta messi alla prova dalla vita.
E' un bel libro conclusivo, si ritorna a casa, a Star Grove "Dove tutto è cominciato. Dove io e Micha ci siamo conosciuti, parlati, divertiti, baciati, innamorati, dove abbiamo ballato, dove ci siamo detti ti amo", insieme agli amici Ethan e Lila (la loro storia raccontata in "Non cambiare mai" mi aveva fatto appassionare) ed è per i due l'occasione giusta per provare a lasciarsi tutto alle spalle. Mettere insieme i pezzi, però, e guardare il quadro d'insieme non sarà per nulla facile, perché ancora una volta Ella dovrà scavare dentro di se e cercare di sconfiggere i suoi demoni.
Per chi ha amato i libri precedenti è una lettura imprescindibile e per chi, invece, non li avesse letti il mio caldo suggerimento è quello di farlo al più presto.
Sul sito della Newton Compton tutti i libri con le rispettive sinossi

mercoledì 27 agosto 2014

Lady Cupido

"Annabelle non era la donna dei suoi sogni. Niente affatto. I suoi sogni erano il prodotto di insicurezza, immaturità e ambizione deviata. No, Annabelle era la donna del suo futuro… la donna della sua felicità".


Lady Cupido
Di Susan Elizabeth Phillips
Leggereditore

Lui è conosciuto come il Pitone, manager sportivo a Chicago, dedito al lavoro, ha la brutta abitudine di voler pianificare al dettaglio la propria vita, compreso il suo matrimonio. Perché per mantenere lo status di uomo affermato ci vuole anche la donna giusta al proprio fianco.
È per questo che Heath conosce Annabelle. Lei ha appena ereditato l'agenzia matrimoniale della nonna, non ha ancora ben chiaro cosa vuole fare da grande, mentre i membri della sua famiglia sprizzano successo da tutti i pori, Il Pitone per lei è un cliente inarrivabile, oltre che il primo. La perfetta pubblicità per lanciare la sua nuova attività.
L'appuntamento, a cui arriverà scarmigliata e in ritardo, lo ha ottenuto grazie all'amica Molly, già incontrata ne "Il lago dei desideri" volume che, come Lady Cupido, fa parte della serie "Chicago Stars".
Così inizia la storia di Heath e Annabelle, due protagonisti che non si potevano immaginare più diversi tra loro, ma che, come scopriranno loro stessi, insieme ai lettori, hanno molti punti di affinità.
Uno dei punti forti del libro sono i dialoghi, veramente divertenti, in particolar modo quelli fra i due protagonisti, perché l'ironia di Annabelle è graffiante.
E poi ci sono gli indimenticabili personaggi secondari come la glaciale Portia (titolare dell'altra agenzia di incontri incaricata da Heath per trovargli una moglie) e l'ex giocatore di football Bodie, e alcuni dei protagonisti degli altri libri della serie "Chicago Stars" che ritroviamo anche qui.
Se lo leggerete preparatevi, è un libro che fa sospirare.
Per il 4 settembre è prevista l'uscita in e-book dell'ultimo capitolo della serie "Seduttore dalla nascita"

lunedì 25 agosto 2014

Ti fidi di me?

"…Niente era come lei e come lei mi faceva sentire, come aveva invaso ogni cellula del mio essere. Non c'ero più io. Non c'era più lei".


Ti fidi di me
di J. Lynn
Editrice nord


Finalmente sono riuscita a leggere la storia di "Ti aspettavo" (che ho amato alla follia, ecco la mia recensione) vista dal punto di vista di Cam. Che dirvi? Se alla fine del libro precedente ero infatuata, ora mi posso dichiarare decisamente innamorata (l'avevo detto che c'era questo rischio!) di questo ragazzo, bello, ma normale, che non ha l'armatura scintillante del principe azzurro, che vuole sì aiutare Avery, ma riesce anche ad allontanarsi da lei quando le cose non sono chiare, o giuste. E leggendo come vive tutto questo si scopre la profondità dei suoi sentimenti, il desiderio di costruire qualcosa di solido, ma anche la paura di sbagliare, di fallire, di perdere. Finalmente un ragazzo normale, l'ho già scritto ma lo ripeto, perché diciamoci la verità, noi possiamo anche avere il cuore romantico, ma di cavalieri impavidi e senza macchia al giorno d'oggi se ne trovano ben pochi. Avery appare più fragile rispetto al primo libro, forse perché la verità è che nonostante tutti noi cerchiamo di nascondere le nostre debolezze dietro ad una corazza, non sarà mai abbastanza spessa per chi desidera conoscerci veramente.Decisamente un buon messaggio.

E poi alla fine del libro ci aspetta una graditissima sorpresa le prime pagine di Stai qui con me… non vedo l'ora che sia il 30 ottobre. Tra l'altro durante la lettura di "Ti fidi di me?" l'autrice lascia qualche segnale del tipo di legame fra i protagonisti del prossimo libro e la storia sembra essere promettente.

J. Lynn è lo pseudonimo con cui Jennifer Armentrout (l'autrice della serie Lux, qui la mia recensione del secondo libro) ha pubblicato questi libri della serie Wait for you.

giovedì 21 agosto 2014

Così come sei: un amore a London Road

"Sai il mondo proverà sempre a trasformarti in chi vuole che tu sia. Le persone, il tempo, gli eventi, tutti cercheranno di scolpire il tuo io e di farti credere che non sei chi sei. Ma non importa in chi cerchino di trasformarti o come cerchino di chiamarti: se resti fedele a te stesso, puoi far saltare tutte le loro trame, e sotto la superficie ci sarai ancora tu".


Così come sei: un amore a London Road
Di Samantha Young
Mondadori





Chi ha amato Sei bellissima stasera (il primo libro della serie On Dublin street) rimarrà folgorato da questa seconda uscita. Ritroviamo come personaggi secondari Jocelyn e Braden, ma anche Ellie ed Adam (la cui storia viene poi approfondita nel racconto Un amore a Fountain Bridge), ma la storia si concentra su Jo collega e amica di Jocelyn, abituata a uscire solo con uomini ricchi che possano prendersi cura di lei e delle esigenze del fratello più piccolo. Ma tutto cambia quando incontra Cam, giovane, bello, senza un lavoro fisso. Insomma proprio l'opposto degli uomini da cui era stata attratta fino a quel momento.
Quello che posso dirvi è di non fare come Cam, non fermatevi alle apparenze, perché Jo è molto di più della bionda, bellissima e svampita che vuole apparire. Come lui non è così perfetto come sembra, già perché ci sono stati dei momenti in cui avrei voluto proprio tirarlo per le orecchie. Come spesso accade nella letteratura di questo tipo spuntano anche temi forti, in questo caso si tratta dell'alcolismo e della violenza domestica. Ma anche del pregiudizio e di come nella vita sia importante sforzarsi di superare le apparenze. Mi è piaciuta tutta la serie.
Sul sito di Mondadori le trame dei tre libri.

lunedì 18 agosto 2014

Dieci piccoli respiri

"Non ti odio. Non potrei mai odiarti. Dammi il tuo cuore Kacey. Prenderò tutto quello che porta con sé".




Dieci piccoli respiri
di K.A. Tucker
Newton Compton


"Dieci piccoli respiri" è uno di quei libri che ti spezza dentro. La tragedia non solo c'è stata, ma è anche pronta dietro l'angolo per sconvolgere la vita dei protagonisti. E' una di quelle storie che dopo averle divorate hai bisogno di tempo per metabolizzarle. Lo stesso effetto me lo hanno fatto "Il confine dell'eternità", i libri su Mara Dyer e la trilogia "Il nostro segreto universo".
Il libro narra la storia di Kacey, una ventenne che, insieme alla sorella di 15 anni, fugge dalla cittadina dove vive con gli zii in direzione Miami. La sua vita è stata sconvolta 4 anni prima da un terribile incidente in cui sono morti i suoi genitori la sua migliore amica e il suo ragazzo e di cui lei è l'unica superstite.
 E' chiusa, impaurita dall'affetto, terrorizzata all'idea del contatto con le mani degli altri, ma la nuova vita le farà incontrare nuovi amici e Trent, un affascinante ragazzo dagli occhi blu, e per lei non far crollare le barriere emotive diventerà davvero difficile.
Ma, come ho già detto, il dolore è dietro l'angolo. E mentre leggi un po' te lo aspetti, prima è solo un'intuizione, che si fa sempre più concreta col procedere della lettura. Empatia, una parola che diventerà importante anche nel corso della storia, diventa anche quello che il lettore prova per Kacey, la sua disperazione diventa la nostra, così come la rabbia, l'amore e il perdono.
Per fortuna è un libro autoconclusivo, sinceramente non avrei retto l'attesa di un secondo volume.

giovedì 14 agosto 2014

La sorella della sposa

"Lui alzò gli occhi su di me, e il tempo parve fermarsi. Quegli occhi scuri, tristi, bellissimi. Pieni di tanto… Rimpianto? Amore? Dispiacere?"


La sorella della sposa
Kristan Higgins
Mondadori

Voglio un Nick anch'io!!! È quello che ti viene da dire quando termini la lettura de "La sorella della sposa" di Kristan Higgins. Mi è bastato sapere che era un architetto per capitolare, non per altro ne ho sposato uno. Diciamo che fra i 'dettagli' che hanno giocato a suo favore c'era anche quel suo primo approccio con la protagonista del libro. Insomma il ragazzo aveva le idee ben chiare sin da subito.
Chi, invece, ha vissuto in un profondo stato di confusione è Harper, avvocato divorzista con un motto per i suoi clienti: "A volte il nostro cuore ha solo bisogno di tempo per accettare quello che la testa sa già", ma a sua discolpa l'autrice le ha dato una madre che definire tale è un viaggio con la fantasia.
I due sono divorziati e si rivedono al matrimonio di Willa, sorella della protagonista. Fra di loro ci sono un sacco di cose non dette, di eventi non spiegati, ma un viaggio in auto li metterà alla prova.
Mi è piaciuto tantissimo, ogni personaggio ha dato quel tocco in più al libro che lo ha reso speciale! 
Leggetelo e non ve ne pentirete!!!

venerdì 8 agosto 2014

La mia eccezione sei tu

"E le rubò il cuore, i battiti, i pensieri, ogni essenza di lei fu prosciugata da quel bacio, prima leggero e poi più ardito, curioso, sicuro…"



La mia eccezione sei tu
di Patrisha Mar

Avete presente quelle giornate in cui tutto va a rotoli, nulla funziona come vorremmo e ci sentiamo perseguitate dal destino?
E' la giornata in cui la vita di Sara cambia per sempre.
"La mia eccezione sei tu" di Patrisha Mar, racconta di un incontro da sogno, di un amore profondo e di come nella vita un ascensore che si blocca e un attacco di panico possano essere l'inizio di qualcosa di speciale. Racconta la storia di Sara, laureata in cerca di un lavoro, e di Daniel modello, bellissimo. Racconta di Roma, la città eterna, che fa da sfondo alla loro storia.
E' un libro bello, divertente, emozionante. E lo sono anche i personaggi. Ho apprezzato particolarmente Daniel (no, non solo perché è bellissimo). L'ho trovato dolce, credibile, da subito consapevole di ciò che aveva davanti.
 "Anche io sono un'amica o qualcosa del genere?" "No, non lo sei, non per me, o meglio vorrei che fossi la mia migliore amica e per parecchio tempo… Ti spaventa anche questo?"
Sara, poverina, forse non si aspettava tanta fortuna, e questo causa non pochi problemi alla coppia. In certi passaggi del libro avrei voluto prenderla da parte e farle un bel discorsetto. Però l'ho capita e perdonata per avermi fatto soffrire con lei, in fondo non possono valere le stesse regole quando si sta insieme a uno che mezzo mondo ha visto nudo sulle riviste di moda. O forse valgono, perché sono le regole del cuore, ma la strada per arrivare a capirlo è sicuramente più difficile, ricca di imprevisti, di ex e di fan.
Trovo che la trama e gli eventi potrebbero benissimo fare da sceneggiatura ad un film, ci sarebbero delle scene epiche, ma non voglio svelare nulla di più perché potrei togliervi la sorpresa.
Assolutamente da leggere.
Qui il sito di Patrisha Mar

lunedì 4 agosto 2014

Se torno, ti sposo

"Forse amare non è solo portare un mazzo di fiori una volta ogni tanto. Forse è tenere duro e andare avanti anche quando è difficile, quando sei arrabbiato, quando sei stanco".


Se torno, ti sposo
Di Kristan Higgins
Mondadori

Faith non è stata molto fortunata in amore, il ragazzo con cui si doveva sposare dopo 8 anni d'amore si è scoperto essere gay proprio durante la celebrazione del loro matrimonio. A fare in modo che Jeremy finalmente dicesse la verità alla giovane Faith il migliore amico di lui, Levi, in congedo dall'Afghanistan per partecipare alle celebrazioni.
Una doccia fredda anche se col senno di poi qualche segnale c'era stato: gentilezze e attenzioni a dismisura, un rapporto tiepidino sotto le lenzuola e poi una felpa bianca uguale, e Faith lo scoprirà soltanto dopo, a quella indossata da Justin Timberlake in un famoso video. 
Nessuno la può biasimare se è fuggita a San Francisco... Ma ora è tornata a casa. E casa vuol dire vigne, un'enorme famiglia molto partecipe della sua vita, la profonda mancanza della mamma morta in un incidente mentre in auto c'era anche lei, il suo ex quasi marito e ovviamente Levi, colui che le aveva "rovinato la vita"
Spassoso e romantico, come ci ha abituato la Higgins, "Se torno, ti sposo" è un libro leggero su come il destino alla fine ti faccia fare mille giri per poi arrivare lì dove potevi essere già da tempo.
Non vi posso parlare di un personaggio preferito, perché in realtà ho adorato un'entità che emerge da questa storia, la famiglia. Così presente, avvolgente (a volte in tantino invadente!), unita. Una famiglia che ti fa sentire parte di qualcosa, bella e giocosa, che non si prende troppo sul serio. A fare da sfondo la campagna dello stato di New York e le vigne.
Mi è piaciuto quel senso di calore che il libro riesce ad infondere nel lettore, grazie anche all'ambientazione: una piccola comunità che, come la famiglia di Faith, risulta un tantino indiscreta ma molto legata. Mi ha ricordato, per i suoi personaggi e per come la vita privata diventi facilmente affare di tutti,  Stars Hollow la cittadina che fa da sfondo al telefilm Una mamma per amica.
Bellissimo e romantico al punto giusto