Naviga all'interno del blog

martedì 28 luglio 2015

Le cronistorie degli elementi.Il mondo che non vedi

"Percepì nuovamente quella sensazione di pace, come una nave che rientra in porto, avrebbe voluto perdersi in quel momento per sempre e non sarebbe mai stato abbastanza..."

Le cronistorie degli elementi. Il mondo che non vedi
di Laura Rocca

Trama
Celine, diciottenne timida e schiva, dopo la morte dei suoi genitori adottivi, accetta l’ospitalità del suo migliore amico Matteo diventando in seguito la sua ragazza.
Dopo l’ennesimo evento spiacevole si risveglia in lei una strana energia che la disorienta. Turbata attraversa la laguna di Venezia rifugiandosi nella casa della sua infanzia, ma lì la tristezza l’assale. Il meraviglioso giardino dei suoi ricordi è ormai arido. Piangendo poggia la mano sulla terra spoglia causando qualcosa di inimmaginabile: un’energia sconosciuta fuoriesce dal suo corpo e tutto riprende vita lasciandola incredula e spaventata.
In poche ore la sua esistenza verrà stravolta intrecciandosi a filo doppio a quella di Aidan e dei Custodi degli Elementi, una razza che può usare gli elementi per contrastare Fàs, il malvagio Spirito del Vuoto. Conoscerà un mondo di cui fino a ieri non sapeva nulla e di cui anche lei scoprirà essere parte. Molte domande esigeranno risposta e la strada da percorrere sarà lunga e richiederà a Celine di mettere in gioco se stessa come mai aveva fatto prima.

***
Avete presente quei libri che ci trascinano in una storia e poi non ci mollano più? Ho finito "Le cronistorie degli elementi. Il mondo che non vedi" domenica e ancora mi ritrovo a pensare ai fantastici personaggi che ho conosciuto, al mondo incredibile raccontato da Laura e alla bellezza di una storia che mi ha tenuta incollata alle pagine. Vi spaventano i libri lunghi? Non preoccupatevi perché arriverete alla fine che vorreste già avere il seguito, le pagine non saranno mai abbastanza e potreste trasformavi nella stalker dell'autrice. Sì, perché è giusto ammetterlo, l'altro giorno ho chiesto a Laura di scrivere il secondo libro entro settembre, penso che mi abbia presa per pazza visto l'impegno che ci vuole per scrivere romanzi così completi, ma io ci ho provato. A mia discolpa posso dire che fremo dalla voglia di  sapere cosa accadrà e ogni lettore sa cosa questo implichi al termine di un libro.
Un altro aspetto di cui non dovrete preoccuparvi è quello di iniziare una serie che non finirà: con Le cronistorie degli elementi é un rischio che non correrete, perché l'autrice ha già pronta la scaletta di tutti i libri a venire! Applauso a Laura!
Ma arriviamo al dunque, ovvero alla recensione. E per farlo partiamo dalla storia e anche da una domanda: come vi sentireste se un giorno scopriste delle verità sconvolgenti sulla vostra vita? Perché è proprio da un evento incredibile che prendono il via il libro e il percorso di crescita e di scoperta della protagonista.
Leggendo "Le cronistorie degli elementi. Il mondo che non vedi" vi ritroverete immersi in un mondo completamente nuovo, con delle regole, delle gerarchie, obiettivi specifici e personaggi indimenticabili. Uno dei molti pregi dell'autrice è quello di farci scoprire tutto questo lentamente, grazie anche a descrizioni bellissime. Il tempo e le pagine danno il giusto spazio a quanto accade e se alcuni accadimenti sono veloci è ampiamente giustificato dall'evolversi degli eventi. Non è un libro frettoloso: i tempi sono perfetti.
Celine è la protagonista, che ci regala un percorso umano di crescita stupendo: la vediamo abbandonare piano piano le fragilità e scoprire una forza e un senso di giustizia incredibili. Celine é un'eroina: è caparbia, forte, giusta e bellissima. Mi è piaciuto incontrare una donna con gli attributi, che sa il fatto suo e che è in grado di difendere e di difendersi. Finalmente abbiamo anche protagoniste così!
Su Aidan vorrei scrivere un libro intero, perché la mia è una cotta letteraria in piena regola. Quindi brava Laura, perché quando un personaggio entra così prepotentemente nel cuore dei lettori significa che il lavoro fatto è dei migliori. Comunque se siete curiosi di saperne di più sappiate che è bellissimo e coraggioso. E che ogni cosa che potrei aggiungere, diventa a rischio spoiler.
Mi sono piaciuti tutti i personaggi incontrati, perché, che siano buoni o cattivi, sono stati tratteggiati alla perfezione, senza lasciare nulla al caso.
Le ambientazioni sono spettacolari, sia quelle reali (da Venezia alla Scozia) che quelle inventate da Laura. Un mondo magico da cui sarà difficile andare via. Un mondo fatto di bellezza, di luoghi indimenticabili come scuole, biblioteche, castelli e giardini che hanno il potere di incatenare il lettore alle pagine. Quello che ho preferito più di tutti è il labirinto, leggendo capirete il perché.
La scrittura è fluida e i termini ricercati: un binomio perfetto che rende la lettura leggera, ma mai banale. Applauso per l'attenzione ai dettagli degna di scrittori con la "s" maiuscola.
Da leggere. Lo consiglio a tutti, anche a quelli a cui non piace il fantasy, perché è un bellissimo libro e questo basta. 
Buona lettura

http://www.laurarocca.it/
Booktrailer

3 commenti:

  1. Grazie Virginia per la tua recensione così curata.
    Sono contenta che il libro ti sia piaciuto e che tu lo abbia apprezzato. Grazie per aver creduto in me ed averlo voluto leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho adorato il tuo libro e non vedo l'ora di poter ritrovare i tuoi personaggi <3 ancora complimenti per la tua bravura <3

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina