lunedì 30 novembre 2015

Viaggi da Poltrona #3

Buon lunedì, inauguriamo la settimana con la rubrica che condivido con la mia amica Deb di Leggendo Romance: Viaggi da Poltrona, con la quale vi raccontiamo i luoghi che abbiamo visitato o visiteremo grazie ai libri.

Giocare è semplice, basta rispondere a queste tre domande:
1)Dove eravate? (un libro che ho appena concluso)
2)Dove vi trovate? (il libro che sto leggendo)
3)Dove andrete? (il libro che inizierò)

Le Recensioni della Libraia
1) sono stata a Miami con il libro Cinque ragioni per odiarti di K. A. Tucker 
2) sono nella Londra dell'etá della Reggenza con Una stravagante ragazza per bene di Virginia dell'Amore 
3) sono ancora indecisa sulla prossima meta... Penso che mi incamminerò verso Salem per leggere Le reliquie di Salem di Valeria Gambino e Caterina Castello

Leggendo Romance
1) Ero a New York con "Tutta colpa di certi romanzi" della Maxwell. 
2) Sono in Irlanda e America con Alethé di Federica Caglioni 
3) Purtroppo anche questa volta non posso dire dove andrò, ho ancora parecchie letture in arretrato

Fateci sapere i vostri Viaggi da Poltrona

giovedì 26 novembre 2015

Domino letterario - Shadowhunters: Città di ossa

Torna il "Domino letterario" la rubrica in collaborazione con i miei amici del team Passione Blog. Ogni mese viene stilata una lista di partecipanti, con un ordine di partenza; a quel punto il primo deve scegliere il libro che leggerà a seguire tutti gli altri ricordando che ogni lettura deve essere legata alla precedente. Come? Casa editrice, genere, trama, autore, copertina…

Ecco l'elenco dei blog partecipanti:
23/11 Leggendo Romance - Deb / L'acquerello di un attimo - Anna
24/11 Ladra di Libri - Sara / Diario di un sogno - Sara
25/11 Questione di libri - Clarissa / Amore per i libri - Annalisa
26/11 Le recensioni della Libraia - Virginia / Everpop - Luigi
27/11 On rainy days - Federica / Devilishly Stylish - Elisa
28/11 Libri che porto con me - Serena / Il nostro angolo dei sogni - Emanuela
29/11 Words - Maria / Bosco dei sogni fantastici - Isa
30/11 Wordsofbooks - Clarissa / Lettere d'inchiostro - Cate

"Amare significava distruggere ed essere amati significava essere distrutti"

Shadowhunters - Città di ossa
di Cassandra Clare
Mondadori

Trama
Al Pandemonium Club di New York si fanno strani incontri. Seguendo un affascinante ragazzo dai capelli blu nel magazzino del locale, Clary vede tre guerrieri coperti di rune tatuate circondarlo e trafiggerlo con una spada di cristallo. Vorrebbe chiamare aiuto, ma non rimane nessun cadavere, nessuna goccia del sangue nero esploso sull'elsa e soprattutto nessuno da accusare, perché i guerrieri sono Shadowhunters, cacciatori di demoni, e nessun altro, tranne Clary, può vederli. Da quella notte il suo destino si lega sempre più a quello dei giovani Cacciatori, soprattutto a quello del magnetico Jace: poteri che non aveva mai avuto e ricordi sepolti nella sua memoria cominciano a riaffiorare come se qualcuno avesse voluto tenerglieli nascosti fino ad allora. Clary desidera solo ritrovare la madre misteriosamente scomparsa, ma sarà coinvolta in una feroce lotta per la conquista della Coppa Mortale, una lotta che la riguarda molto più di quanto creda…

***
Ma come ho fatto in tutti questi anni a non leggere questa saga di Cassandra Clare? È questa la domanda che mi sono posta dopo aver divorato le prime cinquanta pagine di "Shadowhunters: Città di Ossa", perché questo è un gran bel fantasy. Strutturato bene, con personaggi che entrano nel cuore e ambientato in una bellissima e misteriosa New York.
Mi è piaciuto scoprire il mondo nascosto di Cassandra Clare popolato da demoni, vampiri, fate, lupi mannari, cacciatori. Un punto di vista originale. Così come è particolare anche il cattivo, che mi ha ricordato vagamente Voldemort, anche se poi Valentine è molto diverso dal nemico di Harry Potter.
Sui personaggi cerco di non dilungarmi troppo, però voglio sottolineare che mi sono piaciuti tutti: dal primo all'ultimo.
Clary che non è per nulla una ragazza da salvare, ma anzi sa il fatto suo e reagisce agli eventi con una forza d'animo invidiabile.
Jace, bellissimo e letale cacciatore, che dietro all'arroganza e all'ironia nasconde molte paure.
Simon che si ritrova  - suo malgrado - proiettato in un mondo che non credeva neppure potesse esistere, ma è fedele alla sua amica e le sta vicino
E poi tutti gli altri che mi hanno lasciato molto, grazie alla bravura della Clare che ha regalato a ognuno di loro luci e ombre, rendendoli reali molto più di altri personaggi di carta.
L'autrice è molto accurata nella scrittura, sia nelle descrizioni di luoghi e persone che nelle battaglie. Belli anche i dialoghi, che riescono ad essere emozionati in ogni sfaccettatura del termine.
Quindi, giunti a questo punto, posso dire che sì: mi sono innamorata di questa serie.
Un grazie a Laura e a Deb che mi hanno spinta a leggere il primo libro
Buona lettura!

mercoledì 25 novembre 2015

Segnalazione: Prima che arrivassi tu di Tania Paxia

Dopo la recensione a "Ti amo già da un po'", parliamo anche del nuovo lavoro di Tania Paxia "Prima che arrivassi tu" in uscita proprio oggi su tutti gli store. Vi lascio anche un breve estratto, buona lettura.

Prima che arrivassi tu
di Tania Paxia
Editore: self-publishing
Genere: narrativa (rosa) 
Asin: B017L4RHJ4
Prezzo: 0,99€
Pagine: 325

Trama
“Non hai mai stretto una promessa solenne?” scosse la testa. “Sul serio?” aggiunsi, allibita. “Intreccia il mignolo col mio e ripeti quello che ho detto”. 
“Bastava anche una stretta di mano”. 
“No no”, scossi il capo. “Ci vuole la promessa solenne”. Agitai la mano in aria per incitarlo e, con diffidenza, intrecciò il suo mignolo col mio. 
“Prometto di aiutarti”, si interruppe per ricordarsi le parole che avevo usato io, “se tu aiuterai me, quando e se”, si interruppe ancora, “ne avrò bisogno?” risultò più come una domanda, ma apprezzai il tentativo. 
Allegra (Ally) Thomas ha ventun anni, vive a Pisa e ha cambiato tre facoltà diverse in tre anni. È avvilita e senza una prospettiva per il futuro, soprattutto dopo la brusca lite con il padre di origini americane che la vorrebbe laureata in architettura, come lui. Ma Ally ha un sogno: scrivere e tradurre libri. 
Le cose si complicano dopo la sua partenza programmata per una vacanza di tre mesi a Brooklyn organizzata dai suoi zii e cugini americani. All'inizio è logorata dai sensi di colpa e perseguitata dagli incubi, ma le basta uno scontro accidentale con un ragazzo, Evan James, sul marciapiede di fronte al ristorante di suo zio, per cambiare tutto, arricchire le sue giornate e passare qualche ora spensierata...a parte la sbornia che riesce a rimediare durante un'uscita con suo cugino e i suoi due amici, tra i quali c'è anche Evan. Ma Evan ha in mente soltanto una donna: Madison. Per questo Ally decide di stringere una promessa solenne con lui per aiutarlo nell'impresa di riconquistare la sua ex fidanzata. Tra equivoci, shopping, bagni in piscina, chiacchierate al buio e baci rubati, Ally cercherà di fare chiarezza su ciò che vuole davvero.

Biografia
Tania Paxia vive a Bibbona, un paesino nella provincia di Livorno. Frequenta la facoltà di Giurisprudenza (Magistrale) di Pisa e una delle sue grandi passioni è scrivere. 
“Nicholas ed Evelyn e il Diamante Guardiano” è il suo primo romanzo. Il racconto che lo segue “Nicholas ed Evelyn e il Dragone Carbonchio” è uscito il 1 marzo. Il secondo della serie “Nicholas ed Evelyn” è in fase di scrittura. Nel frattempo, ha scritto altri libri: “La Pergamena del Tempio” un giallo su base storica edito da Europolis Editing, in ripubblicazione autonoma il 14 agosto 2015, un paranormal “Il marchio dell’Anima EVANESCENT The Rescuer of Souls #1”, un fantasy “La cacciatrice di stelle”, una commedia romantica intitolata “Sono io Taylor Jordan!” e un romance “Ti amo già da un po’”.


Estratto
1 Stai giocando con il tuo futuro

“Sei sicura di voler partire?” mia sorella mi lanciò uno sguardo torvo ma comprensivo, con i suoi occhi azzurri, di una tonalità intensa come quelli di mio padre, così diversi dai miei di un colore castano chiaro.

Quando lo faceva era un brutto segno, perché voleva dire che aveva dismesso i panni dell’amica per indossare quelli della sorella maggiore. E non maggiore di qualche anno, ma di dieci. Era quasi una seconda mamma. Aveva ragione a farmi quella domanda, perché l’indomani, mercoledì, avrei dovuto prendere un aereo diretto a New York. Anche se non ero dell’umore adatto a intraprendere un viaggio di quasi dieci ore.
Rebecca – Becky per gli amici e familiari – era quella laureata in architettura, con un lavoro rispettabile, in maternità dopo aver avuto il suo primo figlio l’anno prima, sposata da cinque anni con Fabio, il suo fidanzato storico, nonché collega, conosciuto il primo anno di università. Lei era quella con la testa a posto. Lei era quella che si era costruita una famiglia e un futuro fin da ragazzina, lavorando d’estate per mantenersi gli studi, senza chiedere un soldo ai nostri genitori. E poi era sempre stata carina, gentile e disponibile con tutti. Insomma, lei era tutto il contrario di me, che ero considerata la simpaticona della famiglia, che a ventuno anni non aveva ancora ben capito cosa fare nella vita. Avevo cambiato tre – e dico tre – facoltà diverse in tre anni: la prima era stata ingegneria edile con l’indirizzo in architettura, costretta per forza di cose, visto che mio padre era un architetto e mia sorella si era laureata nel medesimo indirizzo di studi, seguendo le sue orme. Il bello è che avevo anche superato il test dell’esame d’ingresso perché la facoltà era a numero chiuso. Papà, Becky e Fabio mi avevano preparato a quell’esame sin dalle superiori. Con tutti quegli architetti in famiglia, avrei potuto fallire? No.

Ma purtroppo non faceva per me. Così avevo chiesto il trasferimento l’anno dopo, senza dire niente alla mia famiglia, alla facoltà di lettere e l’anno dopo ancora a lingue e letteratura straniera.

Mio padre se ne era accorto da pochi giorni, per caso, durante una cena tra architetti, alla quale aveva partecipato anche il professore di ‘Disegno dell’architettura’ e allora la copertura era saltata ancora prima di fargli la sorpresa di avere un’altra figlia laureata. Non certo nella materia che avrebbe voluto lui, ma almeno ero agevolata dal fatto che parlavo due lingue dalla nascita, grazie a lui che era americano e si era trasferito in Italia per amore di mia madre. Nel corso degli anni avevo coltivato l’altra mia passione, ovvero la scrittura. Ero riuscita a finire di scrivere due romanzi, uno dei quali lo avevo anche tradotto in inglese. Avevo cominciato a scrivere seriamente alle superiori, durante l’estate. Era diventato quasi un lavoro, perché mi portava via gran parte del tempo e non riuscivo a fare altro, se non avere un minimo di vita sociale. Da quando mi ero iscritta all’università, scrivevo tutte le sere, dopo cena, ma anche di pomeriggio, invece di studiare. Eh lo so. Non avrei dovuto, ma la passione e la voglia di finire un romanzo era talmente tanta da oscurarmi persino la ragione.

La sera stessa della scoperta avevo litigato con i miei genitori – più con mio padre in realtà – ed erano volate parole pesanti.

Molto. Pesanti.



Libri & cucina: amori, cioccolate calde e dolci ai mirtilli

Come qualche volta accade, oggi vi parlo di un libro appena terminato e lo faccio con la rubrica Libri & Cucina, quindi troverete anche la recensione. Si tratta di un romance scritto da Tania Paxia  che io trovo molto adatto al periodo: perché si parla di freddo, di Natale e di amore.
A questo libro, leggendelo vi sembrerà di assaporare la bontà delle numerosissime cioccolate calde sorseggiate dai protagonisti, ho deciso di abbinare la ricetta di un dolce preparato da Francesca che a mio parere sarebbe perfetto accompagnato alla deliziosa bevanda calda.
E se seguite i miei consigli sappiate che poi dovrete sottoporvi a sfiancati sedute in palestra.

Lei era lì, dall’altro lato della strada, più bella che mai, con i capelli castani tirati in una coda di cavallo, mentre sorrideva allegra, aggiustandosi la piccola borsa a tracolla che le era scivolata di fianco. Indossava degli shorts corti di jeans, abbinati a una t-shirt rosa. Era accaldata, forse era davvero corsa fin lì da chissà dove.
Il tempo si fermò, concentrandosi in un solo attimo. L’attimo in cui realizzai che non era lì per me, ma era insieme a…
May
“Owen” mi bloccai all’istante, senza fiato. “Ci sediamo?” gli indicai una delle panchine che costeggiavano la strada, di fronte al gazebo rotondo in legno, nella piazza principale. Era uno dei miei posti preferiti.

Ti amo già da un po'
di Tania Paxia

Trama
Un biglietto. Un malinteso. Questo ha portato Maybelle Watson (detta Trilli) e Peter Harper ad allontanarsi. Da amici per la pelle, sono diventati due estranei, per gli otto anni consecutivi, fino a quando May, stufa della sua vita a New York, del suo lavoro di avvocato, del suo fidanzato apatico e insensibile, avvocato anche lui, decide di tornare a Keene. Ed è qui che incontrerà di nuovo Peter Harper, il suo amico speciale, il suo Peter personale. Tra liti, scontri e cioccolate calde col cuore di gelato, May scoprirà ciò che Harper avrebbe voluto dirle quella sera di inizio estate. 

***
La neve, il Natale alle porte, le seconde possibilità e squisite cioccolate calde. Leggendo "Ti amo gà da un po'" di Tania Paxia mi sono immersa nell'atmosfera più bella dell'anno: quella delle feste in famiglia, dei regali da scartare, dei desideri che si avverano.
Un libro leggero, ricco di buoni sentimenti, che sa avvolgere come una calda coperta e farci staccare dalla vita quotidiana. E chi, ogni tanto, non ha voglia di pensare che i sogni si possono avverare? Che la vita ci possa stupire quando tutto sembra andare a rotoli?
May va via da New York lasciandosi dietro una serie di scelte su cui riflettere, mette in pausa la sua vita e torna a casa dei suoi. E lì incontra il suo passato, Peter l'amico del cuore, ma anche la possibilità di cambiare.
Ho trovato in  May una ragazza con tante cose da chiarire e la paura di condividerle con la famiglia, ma nonostante il suo essere restia ad aprirsi c'è chi la riesce a capire senza che ci sia bisogno di parole.
Peter è un ragazzo  ferito nell'orgoglio, che dovrà imparare a fidarsi nuovamente della sua migliore amica. Dolce e leale, ma anche tremendamente impaurito dall'idea di soffrire ancora.
Quello che mi è piaciuto molto di questo libro è che i due protagonisti si prendono un po' di tempo, la narrazione segue un ritmo che permette al lettore di assimilare piano piano, come accade per May e Peter, quello che sta accadendo. Assolutamente un pregio da non sottovalutare.
Chiaramente tutto diventa più facile se vicino a loro c'è una "fata madrina" come la Signora Pierce che riesce a vedere molto più in là di tante parole.

Un libro leggero e delicato che vi consiglio di leggere avvolti in una coperta, illuminati delle lucine di un albero e perché no sorseggiando una deliziosa cioccolata calda accompagnata da…

***

Cobbler alle mele, mirtilli ed erba Luisa

Ho trovato questa ricetta su internet e mi ha stuzzicato in particolare per l'impiego dell'erba Luisa, una delle tante piantine che coltivo sul mio terrazzo nella speranza un giorno di potermi sfogare con un vero giardino! Per il resto è clobbler è un dolce anglosassone che prevede di solito della frutta e una copertura in parte simile al crumble... gente, roba dolce, insomma, e gustosa: mele e mirtilli si scioglieranno come una confettura!
Ingredienti
Una mela (circa 200 grammi)
Un cucchiaio di succo di limone 200 grammi di mirtilli
Un cucchiaio di erba Luisa (cedrina) tritata finemente
20 grammi di zucchero
10 grammi di maizena
Per l'impasto
75 grammi di farina
Mezza bustina di lievito per dolci
20 grammi di zucchero
Un pizzico di sale
60 grammi di latte
La scorza di mezzo limone
20 grammi di olio extravergine

Con il Bimby:
Pelare la mela e togliere il torsolo. Tagliarla a fettine sottili, mettere in una ciotola e bagnare subito con il succo di limone per evitare che si annerisca. Aggiungere i mirtilli e l'erba Luisa. Nel boccale mescolare lo zucchero con la maizena 15 secondi a velocità 4 e quindi unire il tutto alla frutta nella ciotola mescolando bene. Distribuire la frutta sul fondo di 8 stampini da muffin. Senza lavare il boccale, versare la farina, il lievito, lo zucchero e il sale e mescolare 15 secondi a velocità 4. Aggiungere il latte, l'olio extravergine e la scorza di limone e amalgamare 30 secondi velocità 3-4. Versare il composto, che dovrebbe risultare molto morbido, a cucchiaiate sulla frutta in maniera abbastanza casuale. Infornare a 180° per 25-30 minuti.

Senza il Bimby:
Pelare la mela e togliere il torsolo. Tagliarla a fettine sottili e bagnare subito con il succo di limone per evitare che si annerisca. Aggiungere i mirtilli e l'erba Luisa. A parte mescolare lo zucchero con la maizena e quindi unire il tutto alla frutta mescolando bene. Distribuire la frutta sul fondo di 8 stampini da muffin. In una ciotola setacciare la farina con il lievito, aggiungere lo zucchero e il sale. In un'altra ciotola mescolare il latte con l'olio extravergine e la scorza di limone. Versare i liquidi sulle farine, amalgamando il tutto con un cucchiaio senza lavorare troppo. Versare il composto, che dovrebbe risultare molto morbido, a cucchiaiate sulla frutta in maniera abbastanza casuale. Infornare a 180° per 25-30 minuti.
Buon appetito!

martedì 24 novembre 2015

Lie4me - Professione bugiarda


Lie4me - Professione bugiarda
di Mariachiara Cabrini
Harlequin Mondadori

Trama
Proprio come l'Alice del Paese delle Meraviglie, anche Alice Schiano ha un'irrefrenabile fantasia e decide di sfruttarla per inventarsi un lavoro alternativo. La sua missione è migliorare le vite altrui... una bugia alla volta. Vuoi mollare il tuo fidanzato ma non vuoi farlo di persona per non vivere un'esperienza spiacevole? Vuoi fare bella figura con il capo, sbarazzarti di una rivale, conquistare un collega? Alice è la donna che fa per te! Non c'è nulla che non possa risolvere grazie alla sua parlantina, e non prova mai rimorsi per ciò che fa, perché mentire paga, e bene! I servizi della sua agenzia sono richiestissimi, gli affari vanno alla grande e anche la vita sentimentale scorre liscia come l'olio, forse proprio perché racconta un bel po' di bugie anche al fidanzato. Finché qualcuno non fa saltare in aria la sua auto. Chi è stato? Alice non intende restare con le mani in mano ad aspettare che la polizia scopra il colpevole. Tanto più che collaborare con l'ispettore Donati, uomo affascinante quanto irritante, potrebbe portare a risvolti inaspettati. In tutti i sensi.

***

Un libro divertente e allegro per trascorrere qualche ora di svago: si tratta di "Lie4Me - Professione bugiarda" scritto da Mariachiara Cabrini ed edito da Harkequin Mondadori
Chi non ha mai pensato di ingaggiare qualcuno che mentisse al posto suo? Ovvero una professionista che si occupa di "accomodare la vita" dei suoi clienti? A me sicuramente qualche volta sarebbe piaciuto, soprattutto perché non so dire bugie… 
Alice Schiano fa proprio questo: mente per i propri clienti, una professione che nasconde delle insidie, come ben presto (anche se un po' a fatica) anche lei comprenderà.
Alice è una ragazza che ha molto potenziale, ma anche tanto da scoprire di se stessa. Un'analisi che riuscirà a fare nel corso della storia e che la porterà a comprendere molti aspetti di se stessa e di come vuole cambiare la sua vita. 
Questo è l'aspetto che più mi è piaciuto del romanzo della Cabrini, ovvero il fatto che sia proprio la stessa protagonista ad "accomodarsi la vita" e lo fa comprendendo che la strada della verità forse è quella che appare più difficile, ma è sicuramente quella che regala più soddisfazioni.
I personaggi, nonostante sia un romanzo breve (di circa 143 pagine), sono ben caratterizzati: oltre alla protagonista, applauso per Giulia la segretaria cinica e diretta che tutti vorremmo avere come amica nella vita: perché qualcuno che ci sappia mettere in riga nel momento del bisogno è essenziale. Pollice verso (ma solo perché è una lagna) per il fidanzato Edoardo sottomesso e vittima delle bugie della nostra protagonista, io avrei voluto tanto fargli un discorsetto… Mentre mi è piaciuto l'ispettore - stropicciato - Donati, che sa tenere testa ad Alice e metterla al suo posto quando serve: il risultato sono dialoghi divertenti e brillanti.
Lo stile di scrittura è frizzante, ironico e molto adatto al genere di romanzo. Forse anche per la brevità, non ci sono mai pagine in cui non accade nulla: il ritmo è serrato e questo lo rende un libro difficile da mettere da parte.
Buona lettura

lunedì 23 novembre 2015

Viaggi da poltrona #2

Iniziamo la settimana con la seconda puntata dei "Viaggi da poltrona", rubrica che condivido con Deb di Leggendo Romance, in cui vi raccontiamo dove siamo state grazie ai libri che stiamo leggendo.



1)Dove eravate? (un libro che ho appena concluso)
2)Dove vi trovate? (il libro che sto leggendo)
3)Dove andrete? (il libro che inizierò)

Le Recensioni della Libraia
1) ero a New York e Keene con May ed Harper protagonisti di "Ti amo già da un po'" di Tania Paxia
2) sono a New York con Clary di "Shadowhunters" di Cassandra Clare
3) andrò a Verona con "Un amore firmato Louboutin" di Giulia Rizzi

Leggendo Romance
1) Ero all' Inferno con Nephilim. Ribellione all'Inferno di Valerio la Martire
2) Mi sto incamminando verso Irlanda e America con Alethé di Federica Caglioni
3) Ecco, su questo ho un po' di dubbi, non ho ancora deciso dove andrò perché ho parecchi "posti" da visitare

Fateci sapere anche voi i vostri "viaggi"

mercoledì 18 novembre 2015

La stella dell'Eire

Per tre anni avevo chiuso la mente a tutti i ricordi, li avevo incatenati in profondità, in modo che non riaffiorassero mai. Ma per quanto ancora potevo andare avanti così? Senza provare emozioni? Che vita avrei vissuto senza mai provare nulla? 

"La Stella dell'Eire”
Valentina Marcone
Nativi Digitali Edizioni
Data di uscita: 18 novembre 2015
Genere: Urban Fantasy, Paranormal Romance
Collana: Fantasy
Prezzo: 3.99€ 
Formato: ebook (epub, mobi, pdf)
Lunghezza: 280 pagine (circa)

Trama
"Niente ti prepara al dolore. Quello reale, quello profondo, quello che ti spezza il fiato. Puoi passare tutta la vita a cercare di comprenderlo, ma niente ti preparerà mai alla sensazione terribile di perdita, vuoto e disperazione che provai io quel giorno. Diventi irragionevole, pazzo, saresti disposto a tutto pur di fermare quella sofferenza, uccideresti per spegnere il fuoco che ti brucia la carne. Credevo di morire, invece la Furia mi ha salvata.
Io sono una Furia, e ora ricomincio da capo. Giorno uno."

***
Vi è mai capitato di leggere un libro e di trovarci esattamente quello che cercavate? A me con "La stella dell'Eire" di Valentina Marcone è successo proprio così. Avevo sofferto per quel cliffhanger in "La croce della vita", ma l'autrice mi ha piacevolmente stupita con un seguito pubblicato a tempo record (brava lei e anche la casa editrice Nativi Digitali, che ringrazio di cuore per avermi permesso di leggere questo libro in anteprima) e con un romanzo dove ho trovato quello che desideravo.
Ma partiamo, senza svelare troppo, dalla storia che regala molta azione, parecchi sentimenti e tante risposte. È sicuramente un libro di passaggio e penso che quello successivo ci regalerà ancora più emozioni, perché - diciamocelo - la guerra è parecchio vicina.
Anche qui, come nel primo libro, ritroviamo Deva, una Furia, e i tre famigerati vampiri Sincore che l'hanno cresciuta. Ma attenzione questa non è la solita storia di vampiri, qua, quando ci si arrabbia, le cose si fanno parecchio serie!

Ho notato, e apprezzato,  un grande cambiamento nei personaggi.
Deva, è ormai una donna con tutto uno spettro di emozioni da gestire, ma che impara ad aprirsi e a fidarsi. Se dessi i voti ai personaggi - e per una volta permettetemi questo lusso - si meriterebbe un bel nove per l'incredibile percorso che ha saputo intraprendere.
Gabriel in questo libro è un 10: perché finalmente non è solo un vampiro burbero: parla, è onesto con se stesso e con gli altri. Ammetto di averlo adorato, perché finalmente non è più così misterioso e perché ci rende partecipi di doti (chiacchierine, che pensate) che non avrei mai immaginato potesse avere. Dice sempre poche parole, ma sono decisamente quelle giuste.
Michele e Raffaele restano un po' sullo sfondo, ma è giusto così: era tempo di lasciare il palcoscenico ad altri. Loro restano i personaggi che abbiamo incontrato nel primo libro, saggio uno molto protettivo e giocoso l'altro.

Lo stile di scrittura è ritmato, non ci sono momenti di noia, le parole sono scelte con cura e rendono il testo fluido e scorrevole.

"La stella dell'Eire" è un libro che consiglio a tutti, perché è scritto bene, coinvolge con una storia ben congegnata e per nulla banale e perché l'autrice ci ha regalato un distillato di emozioni!
Ma quando arriva il seguito?
Buona lettura

martedì 17 novembre 2015

Ingredienti libreschi

Potevo io resistere a un tag dove si parla di libri e ingredienti? la risposta è assolutamente no!
Quindi ringrazio Clarissa di Questione di Libri per avermi invitata a partecipare a Ingredienti Libreschi ideato da Sissy Tube & Angela Cannucciari

1. PREZZEMOLO: Un libro che vedi ovunque.
Come Clari anche io non posso non nominare la nuova bellissima edizione di "Harry Potter e la pietra filosofale", già scovata e annusata in libreria, sto aspettando Natale per farmela regalare, con la scusa che prima o poi diventerà di mio figlio Francesco 

2. CIPOLLA: Un libro che, solo a sentirlo nominare, ti metteresti a piangere.
Una storia di amicizia profonda che mi ha colpita dritta al cuore. Se avete voglia di leggere un bel libro non lasciatevi sfuggire "Parole prima del sonno" di Elizabeth Berg

3. CAFFÈ: Un libro che ti ha tenuta sveglia.
Quasi tutti, perché quando leggo un libro che mi piace difficilmente riesco a non leggerlo in maniera ossessiva.
Comunque vi segnalo questo bel thriller che mi ha messo addosso una buona dose di angoscia. QUI la mia recensione di "L'invito" di Ruth Ware

4. PATATINE FRITTE: Una serie irresistibile che non hai potuto fare a meno di leggere tutta d’un fiato, un libro dopo l’altro
Onestamente le serie che leggo non sono ancora terminate e quelle già terminate me le sono "sudate", per cui posso affermare che di ogni serie mi leggerei tutti i libri uno dopo l'altro, se potessi... Invece soffro e attendo l'uscita successiva.

5. LIEVITO: Un libro il cui successo è stato gonfiato troppo.
Anche qui quoto Clari e cito After.  Non ho ancora letto il primo di questa serie, ma lo farò perché sono molto curiosa! Ho letto tantissime recensioni negative quindi credo che non meriti tutto il successo di vendite che ha avuto.

6. CUPCAKE: Un libro dai mille sapori, sfumature e colori.
"Un albero cresce a Brooklyn" è un libro che letto da giovanissima e amato moltissimo, mi era stato dato in prestito e quindi voglio avere una copia tutta mia per poterlo rileggere.

7. OLIO: Un libro che ti è scivolato via dalla mente.
Chi mi conosce sa bene che ho una memoria a brevissimo termine, per cui onestamente non saprei dire che libro mi sono dimenticata… me ne dimentico tanti, anche di bellissimi, ma solo perché non ho mai imparato la buona abitudine di segnarmi su un'agenda i titoli letti…
Quindi chissà…

8. LIMONE: Un libro che a tanti è piaciuto ma che a te ha fatto drizzare i peli.
Come ho scritto anche nella recensione QUI, l'autrice in Grey è riuscita a far diventare un dominatore senza cuore, una ragazzina piena di paure… Altro che drizzare i peli!

Non so chi è stato nominato e chi no e chi lo ha già fatto… per cui… Nominatevi e nel caso lasciatemi il link nei commenti, così passo a leggere.

Segnalazioni Newton Compton

Due romanzi molto diversi che hanno stuzzicato la mia curiosità, sono quelli che vi presento oggi entrambi editi da Newton Compton.

Un piccolo paese della provincia piemontese, uno sconvolgente omicidio e segreti inconfessabili: sono questi gli ingredienti del thriller d'esordio di Barbara Sessini: "Un posto tranquillo per un delitto" uscito il 5 novembre
Un posto tranquillo per un delitto
di Barbara Sessini
Newton Compton Editori

Trama
Il neo-commissario Rossini è stato destinato a un piccolo paesino del torinese. Un posto molto, molto tranquillo, dove non succede nulla da cinquant’anni. Eppure, dopo solo ventiquattro ore dal suo insediamento, il commissario si trova a indagare sul primo omicidio. La vittima è Sara Ponsat, giovane titolare di una fabbrica di carta riciclata. Il timore di un assassino in circolazione ha gettato nel panico la piccola comunità, così ad affiancare Rossini viene chiamato anche il suo predecessore, Franco Diana. Gli amici di Sara, poi, aiutati da un giornalista, tentano di ricostruire gli ultimi mesi di vita della ragazza, ma si imbattono in qualcosa più grande di loro. Per Rossini non sarà facile coordinare le indagini e insieme tenere a freno i vari detective improvvisati. Perché lasciare troppe impronte sulla scena di un delitto può essere il miglior modo per confondere le tracce…

Barbara Sessini
È nata a Iglesias nel 1978. Si è laureata in filosofia a Cagliari e da oltre dieci anni vive a Torino. È giornalista professionista e ha collaborato con diverse testate. Attualmente si occupa di fisco e diritto per un quotidiano specializzato nell’informazione giuridico-economica.

***
Torna Daniela Farnese con "Natale da Chanel" il nuovo romanzo della trilogia di Chanel. Inoltre c'è una bella sorpresa per le lettrici che, grazie alla collaborazione con TNS Cosmetics, riceveranno lo smalto Rosso Dania in tutte le librerie che aderiscono all'iniziativa (QUI il regolamento).
Natale da Chanel
di Daniela Farnese
Newton Compton
Link Amazon

Trama
Dopo Parigi, Rebecca, detta “Coco”, è partita per New York, dove dovrà dirigere una delle filiali dell’agenzia per cui lavora. Nella Grande Mela, la città che ha rilanciato la mitica Chanel quando la sua carriera sembrava in declino, il suo amore Étienne, non l’ha raggiunta ma è rimasto in Francia. Riuscirà Coco a salvare il suo grande amore e a festeggiare con lui il Natale a New York?


Daniela Farnese
Ha una laurea in Lingue orientali, la passione per il vino e due gatti. Collabora con agenzie di comunicazione, produzioni cinematografiche, riviste, radio e TV. Dal 2003 cura il seguitissimo blog www.dottoressadania.it. Con la Newton Compton ha pubblicato 101 modi per far soffrire gli uomini, Via Chanel N°5, I love Chanel, A noi donne piace il rosso e l’ebook Un’estate con le amiche. Natale da Chanel è il terzo episodio della vita di Rebecca Bruni.

lunedì 16 novembre 2015

Anteprima: La stella dell'Eire

Secondo attesissimo capitolo della saga scritta da Valentina Marcone: esce  mercoledì 18 "La stella dell'eire" seguito di "La croce della vita" QUI la mia recensione, primo volume che, per l'occasione, sarà in offerta su tutti gli store di ebook a metà prezzo, cioè a 1.49, dal 16 al 18 novembre. 


"La Stella dell'Eire”
Valentina Marcone
Nativi Digitali Edizioni
Data di uscita: 18 novembre 2015
Genere: Urban Fantasy, Paranormal Romance
Collana: Fantasy
Prezzo: 3.99€ 
Formato: ebook (epub, mobi, pdf)
Lunghezza: 280 pagine (circa)

Per tre anni avevo chiuso la mente a tutti i ricordi, li avevo incatenati in profondità, in modo che non riaffiorassero mai. Ma per quanto ancora potevo andare avanti così? Senza provare emozioni? Che vita avrei vissuto senza mai provare nulla?
Trama
"Niente ti prepara al dolore. Quello reale, quello profondo, quello che ti spezza il fiato. Puoi passare tutta la vita a cercare di comprenderlo, ma niente ti preparerà mai alla sensazione terribile di perdita, vuoto e disperazione che provai io quel giorno. Diventi irragionevole, pazzo, saresti disposto a tutto pur di fermare quella sofferenza, uccideresti per spegnere il fuoco che ti brucia la carne. Credevo di morire, invece la Furia mi ha salvata.
Io sono una Furia, e ora ricomincio da capo. Giorno uno."

L'autrice:
Valentina Marcone: nata nella provincia di Salerno nel 1986, laureata in Farmacia all’università di Salerno, ha una sola grande passione: i libri. Che essi siano di scuola, di favole, di storia, di letteratura classica, non ha importanza, purché scritti in inglese o italiano. Adora il genere fantasy, tanto che il suo primo libro ha come protagonista una Furia. Le piace pensare di non raccontare storie, ma creare personaggi che plasmano da soli la loro storia.

Viaggi da poltrona #1

Oggi vi presento questa nuova rubrica in collaborazione con Deb del blog Leggendo Romance. L'ho notata sul suo blog e mi è piaciuta tantissimo, tanto che mi ha invitata a farla diventare un appuntamento fisso dei due blog… io, ovviamente, ho accettato entusiasta.


Ma di che cosa si tratta?
Ogni lunedì vi racconteremo che luoghi abbiamo visitato grazie ai libri in lettura, rispondendo a queste tre domande

1)Dove eravate? (un libro che ho appena concluso)
2)Dove vi trovate? (il libro che sto leggendo)
3)Dove andrete? (il libro che inizierò)

Le recensioni della Libraia
1) Ero a Milano con Alice di "Lie4me professione bugiarda" di Mariachiara Cabrini
2) L'ho iniziato ieri sera, quindi non vi so ancora dove mi porterà,... Posso dirvi che mi tiene compagnia Deva protagonista di "La stella dell'Eire" di Valentina Marcone in uscita mercoledì per Nativi Digitali 
3) Andrò ad Abano Terme con Vanessa ed Alex di "Magia alle terme" di Marco Cannella

Leggendo romance
1) Ero a Washington con Matt e Aaron di "Molto di più" di Lane Hayes
2) Sono in purgatorio con “Nephilim” di Valerio La Martire
3) Andrò a New York con la protagonista di “Tutta colpa di certi romanzi” di Elizabeth Maxwell

E voi che "viaggi letterari" state facendo?

venerdì 13 novembre 2015

Oltre l'amore

"Ho il terrore che qualsiasi cosa dica sia sbagliata. E ora starti accanto è l'unica cosa che mi sembri solida e reale… Sei così piana di colori, così esuberante che non ti perdi mai nel paesaggio monocolore della mia testa"
Oltre le regole
di Jay Crownover
Newton Compton

Trama
Dietro la sua aria insolente e i tatuaggi che ricoprono il suo corpo, Cora Lewis nasconde un cuore spezzato, e non vuole bruciarsi di nuovo. Cora vorrebbe incontrare una persona che non abbia problemi da risolvere e sia pronta a impegnarsi. Finché non conosce Rome Archer. Rome è ben lontano dall’essere perfetto. È testardo, rigido e prepotente. Ed è tornato dalla sua ultima missione molto provato sia fisicamente che moralmente. Rome si è sempre trovato a ricoprire troppi ruoli: fratello maggiore, figlio prediletto, super soldato. Ma nessuno fa più per lui. Ora è solo un uomo che cerca di capire cosa fare con la sua vita, e come tenere a bada i demoni oscuri legati alla guerra e alle perdite subite. Era pronto ad affrontarli da solo, ma Cora ha fatto irruzione nel grigiore della sua vita, illuminandola... E quel che all’inizio sembra imperfetto potrebbe anche durare per sempre…

***
Questa sera vi parlo di una lettura condivisa con Cristina di Lotus Heart Blog: QUI la sua recensione, passate da lei!

Una storia piena di ombre, di dolore, ma anche di speranze, è quella raccontata in "Oltre l'amore" di  Jay Crownover. Sicuramente il libro migliore della serie fino a oggi, perché l'autrice riesce ad affrontare in maniera molto chiara il dramma di un uomo che torna dalla guerra, le sue paure, le debolezze. E lo fa inserendo un gran personaggio secondario… ma a questo adesso ci arriviamo.
Partiamo da loro, i protagonisti del terzo capitolo de "The tattoo Series".
Cora l'abbiamo già conosciuta e apprezzata nei volumi precedenti, ma in questo mi ha conquistata: diversa, non bellissima fuori, per lo meno non per i canoni  della massa, ma bellissima dentro. Un tripudio di colori che si esprimono all'esterno nel suo corpo modificato in una maniera stupefacente. Cora è quella speranza di cui parlavo poco prima, perché è l'emblema della positività.
Rome è, invece, un uomo distrutto: dalla guerra, dalle aspettative che crede che gli altri abbiano su di lui, dalla necessità di scoprire chi è diventato. Per affrontare i suoi demoni, però ha bisogno di incontrare qualcuno che lo capisca e comprenda profondamente il dramma di un conflitto. Ed è qui che facciamo la conoscenza di uno dei personaggi che ho preferito nel romanzo: Brite. Un reduce, titolare di un bar che comprende molto meglio Rome di quanto non riescano a fare tutte le altre persone intorno a lui.
Ogni persona dovrebbe avere la possibilità di incontrare un Brite in un momento complicato della vita.
La storia affronta tematiche di un certo spessore come il "disturbo post traumatico da stress" o la pericolosità delle bande di motociclisti. Ma lo fa dando anche la speranza di credere che sì, le cose possono sempre essere aggiustate se c'è la volontà di farlo.
Ammetto che le ultime pagine mi hanno tenuto incollata… dovevo sapere come sarebbe andata a finire!
Consigliato.

mercoledì 11 novembre 2015

Libri & cucina: letture e bevande speziate

Oggi parliamo di una ricetta veloce, adatta al clima autunnale, che trovo sia perfetta per chi ama leggere. Perché diciamoci la verità, quando sono immersa nella lettura io non sono così:


Diciamo che sono molto più vicina a questa immagine, ma molto meno in ordine.
Tra l'altro ho quella coperta e la trovo strepitosa…
Detto questo, vi chiedo: cosa manca nella foto? Per me una bella tisana. Ed è proprio la ricetta per una gustosissima bevanda calda quella che vi presenterà oggi Francesca.
L'abbinamento è stato immediato e mi ha anche fatto venire in mente che il libro di cui vi parlerò deve tornare al legittimo proprietario.
Si tratta de La Maga delle Spezie, un romanzo molto bello che parla di magia, del potere delle erbe e di una donna eccezionale

La maga delle spezie
di Chitra Banerjee Divakaruni
Einaudi 

Trama
«La Maga delle Spezie fa venire voglia di zenzero e cannella, di peperoncino, basilico e cardamomo e di un mondo fiabesco proveniente dall'India di cui non sospetteremmo l'esistenza». Tuttolibri

Cannella bruna e calda quanto la pelle per aiutarti a trovare qualcuno che ti prenda per mano. Seme di coriandolo, sferico come la terra, per farti vedere chiaro. Trigonella contro la discordia. Zenzero per il coraggio profondo di chi sa quando dire no... C'è una vecchia signora indiana in una bottega di Oakland, in California. Alla ricerca del sapore piú squisito, o del sortilegio piú sottile, sfiora polveri e semi e foglie e bacche. È Tilo, la Maga delle Spezie, e questo romanzo è la sua storia: dallo sperduto villaggio indiano dove la rapiscono i pirati, fino in America dove la magia delle spezie le permette di aiutare chi si è lasciato l'India alle spalle. E dove i poteri di Tilo finiranno per vacillare sotto l'onda di una passione che la esporrà alle conseguenze piú straordinarie e terribili. La Maga delle Spezie è una favola di fragranze, di aromi, di isole arcane, di un amore proibito. E, soprattutto, di una magia che si annida nel più quotidiano, e violento, dei mondi possibili.

***
Tisana allo zenzero e miele

Portare a ebollizione mezzo litro d'acqua con il succo di un limone spremuto, quando bolle aggiungere 10 grammi circa di zenzero fresco (lo si deve pelare e tagliare a pezzetti di circa 3 centimetri). A questo punto far cuocere a fuoco basso per altri 10 minuti. 
Filtrare la bevanda per eliminare lo zenzero e poi aggiungere miele a piacere. 
La tisana può essere conservata in frigo (non nell'acciaio).
Ricordatevi di togliere lo zenzero sennò diventa super piccante.

martedì 10 novembre 2015

Mi sono innamorata del mio migliore amico

Mi sono innamorata del mio migliore amico
di Kristy Moseley
Newton Compton

Trama
Riley Tanner ha un amico speciale, il migliore che una ragazza possa desiderare. Clayton Preston è per lei un grande sostegno: è leale, onesto, affidabile, gentile e pieno di attenzioni. È anche il ragazzo più ambito di tutta la scuola, ma loro due hanno sempre avuto un rapporto diretto e molto affettuoso, di pura amicizia, senza complicazioni amorose. Dopo che Riley è stata via un mese per una vacanza, però, le cose fra loro sembrano essere cambiate e la situazione si fa sempre più strana. Riley comincia a guardarlo in modo diverso, non come dovrebbe fare una semplice amica. E come se non bastasse, a complicare ulteriormente il loro rapporto ci si mette pure il nemico numero uno di Clayton: un rivale che negli ultimi tempi si sta interessando molto a Riley…

***
Oggi vi parlo di un libro che per me è caratterizzato da molti no e qualche piccolissimo sì. Probabilmente la mia reazione è dovuta dal fatto che si tratta di un un romanzo indirizzato a un pubblico mediamente giovane, appartenente a tutt'altra generazione, però anche se osservo le cose da questa prospettiva ho le mie perplessità.
"Mi sono innamorata de mio migliore amico" di Kristy Moseley è un libro  young adult ambientato in un liceo americano. I due protagonisti sono amici da una vita e legatissimi, una lontananza di trenta giorni però cambia il loro rapporto... fino a qui nulla di male, una storia già sentita, ma che magari può regalare qualche ora di sano relax. No! Perché mi sono ritrovata così tante volte a riflettere perplessa su quello che stavo leggendo, che il potere rilassante del libro leggero è completamente svanito.
Intanto il rapporto fra Riley e Clayton. Partiamo dal presupposto che io credo fortemente nell'amicizia sincera fra uomo e donna, perché ho la fortuna di viverla sulla mia pelle, però non ho mai dormito tre notti a settimana nello stesso letto del mio migliore amico in mutande. Non che ci sia nulla di male, sia chiaro, ma perché? Che senso ha? E' necessario? Perché onestamente ho smesso di dormire nello stesso letto delle mie amiche a tredici anni, per motivi di comodità, quindi perché dovrei dividere il letto a 16 - 18 anni con l'amico del cuore?
Troppo infantile. I due protagonisti ci regalano perle con i loro battibecchi incentrati sul nulla, si dichiarano sentimenti che però alla luce del giorno scambiano per semplice amicizia e si fanno paranoie che per reggere (a mio parere) dovrebbero appartenere ad un libro di fantascienza.
I genitori che mi hanno fatto pensare più volte: Ma che davvero? Sotto questo punto di vista non voglio spoilerare troppo, però li ho trovati talmente poco presenti da farmi rimanere a bocca aperta, per poi dimostrarsi intransigenti quando ormai il "danno" era stato fatto...
E poi basta protagonisti troppo belli per essere veri, dateci meno tartarughe, gambe chilometriche e più cervello e rapporti credibili!
Ma tranquilli, questo libro presenta anche dei sì: c'è tutta la parte riservata allo stalking e alla "follia" che ho trovato interessante, diciamo che ha avuto il merito di farmi arrivare all'ultima pagina.
Lo stile narrativo è adatto al genere, peccato per quei troppi riferimenti all'avvenenza che a mio parere potevano essere evitati: lo abbiamo capito che siete belli, non è necessario ripeterlo a ogni paragrafo!
E voi lo avete letto?



venerdì 6 novembre 2015

Albion - Ombre

"Un tempo lontano qualcuno le aveva detto che guardiamo tutto, ma vediamo davvero solo ciò che ci ricorda chi siamo, o quello che dovremmo diventare, o ciò che vorremmo possedere"

Albion - Ombre
Bianca Marconero
Limited Edition Books

Trama
Marco Cinquedraghi e i suoi amici hanno scoperto di essere portatori di una peculiarità genetica che si fonda nella leggenda. Sono le nuove incarnazioni di Artù e dei cavalieri della Tavola Rotonda. Ma qual è il prezzo del loro privilegio? A cosa si deve rinunciare per guadagnarsi un destino già scritto? Marco preferisce non chiederselo. Saranno gli errori commessi e le bugie a trascinarlo in una spirale che lo obbligherà ad aprire gli occhi, mentre anche l'eredità di mago Merlino si risveglia e reclama il proprio tributo. Tra amicizie che si incrinano, amori condannati per le colpe del passato, l'ombra di una fata leggendaria e un'indagine su una morte sospetta che sembra portare a una tragica verità, i ragazzi dell'Albion College proseguono il loro cammino per diventare grandi. Ma capire cos'è la vera grandezza comporta un sacrificio che ognuno di loro dovrà affrontare da solo, per salvarsi.

***
Cinque stelline piene per questo fantasy tutto italiano che ha saputo trascinarmi ancora di più del primo (QUI la recensione) all'Albion College e alla scoperta dei cavalieri della Tavola Rotonda. "Ombre" di Bianca Marconero è un libro colto, scritto con una chiarezza di linguaggio che lo rende accessibile a tutti pur non risultando mai banale, ma anzi sofisticato e ricercato
Per la mia recensione voglio partire proprio da questo aspetto, perché mi ha colpita rendermi conto, nel corso della lettura, di quanta cura e attenzione siano state usate per scegliere e soppesare i termini, rendendo la storia ancora più godibile.
Un secondo capitolo decisamente ricco di colpi di scena, in cui assistiamo a una crescita dei personaggi, ma scopriamo anche i loro lati deboli e più umani. 
Lo dico apertamente: io sto con Marco. Spesso tacciato di essere viziato e superficiale, trovo che invece non sia capito, in primo luogo proprio dai suoi amici. La solitudine che lo accompagna per gran parte della storia lo trasforma da ragazzino viziato e insicuro a uomo adulto e consapevole del proprio destino. Anche se…  ho decisamente sofferto per alcuni passaggi, che non vi rivelo per non rovinarvi la sorpresa.
In questo libro l'autrice approfondisce molto il personaggio di Lance, che è la perfetta incarnazione del cavaliere, infatti in lui ho trovato quegli aspetti caratteriali come altruismo, spirito di sacrificio, intelligenza, pianificazione che a mio parere sintetizzano perfettamente l'eroe.
Gli altri li ho, come sempre, adorati anche se a volte non ero per nulla in sintonia con loro. E mi riferisco in particolare ad Helena e Deacon, forse troppo legati a un pregiudizio per riuscire a vedere realmente quello che accade intorno a loro.
Per quanto riguarda la grande new entry del libro, Morgana, penso sia presto per dare il mio giudizio: è un'incognita e non l'ho ancora capita molto bene. La osservo a distanza e, onestamente, mi aspetto qualche passo falso.
È un libro che consiglio a chi ama le storie leggendarie, i cavalieri e le battaglie, ma anche a chi cerca nei libri personaggi ben analizzati, eventi che non accadono mai per caso e uno studio della storia molto accurato. Quindi, sì, lo consiglio a tutti, perché è veramente un gran bel libro.
Attendo con molta molta ansia ed entusiasmo la novella in uscita a dicembre e poi, ovviamente, il terzo capitolo: Eredità.
Vi lascio l'elenco delle uscite previste

PIANO DELL'OPERA:
Ciclo del Primo Anno
Albion (Albion #1) – disponibile
Albion – Diario di un’Assassina (Albion #1.5) - disponibile
Albion – Ombre (Albion #2) – disponibile
Albion – Il principe spezzato (Albion #2.5) - Dicembre 2015

Libri della Cerca
Albion - Eredità (Albion #3) - in arrivo nel 2016
Albion #4 - TBA
Albion #5 - TBA

Pagina Facebook della saga: https://www.facebook.com/AlbionBiancaMarconero
Sito internet: http://albion.limitededitionbooks.it/

Ringrazio la casa editrice per avermi dato l'opportunità di ricevere la copia autografata  che accarezzo ripetutamente nel corso della giornata, come ogni buon amante dei libri.




mercoledì 4 novembre 2015

Libri & Cucina: Aspettiamo il Natale?

Lo so: a Natale manca più di un mese, ma come non potevo farmi tentare dai deliziosi biscotti di Francesca e proporvi questo libro? Veniamo al dunque, la mia socia mi ha mandato la ricetta per preparare i biscotti al cioccolato e nocciole che potrebbero essere un perfetto regalo di Natale da fare ad amici e parenti. L'abbinamento con "A casa per Natale" di David Baldacci è stato pressoché immediato, perché era da tempo che volevo parlarvi questo libro che mi è piaciuto tantissimo perché riesce a coniugare molte cose che adoro: misteri, un viaggio in treno, un protagonista giornalista…
E poi l'autore scrive proprio così: "Questo romanzo è dedicato a tutti coloro che amano i treni e le vacanze" 
Ne volete sapere di più?
Ecco qui copertina, dati e sinossi

A casa per Natale
David Baldacci
Mondadori

Trama
Dopo essere stato interdetto ai voli per gli Stati Uniti, Tom Langdon decide di prendere il treno da Washington a Los Angeles per raggiungere la fidanzata che lo aspetta per Natale. Non ha il minimo sospetto che da quel lungo viaggio pieno di eventi, bizzarri ma anche drammatici, uscirà profondamente cambiato. La varietà degli incontri e delle esperienze, che sembrano orchestrati da una casualità quasi magica, lo porteranno a rivedere sotto una luce diversa tutta la sua vita, a svelare come davanti a uno specchio segreto i grovigli della propria anima, a recuperare ciò che pensava di aver irrimediabilmente perduto.

***

Biscotti al cioccolato e nocciole
Troppo presto per cominciare con le idee per il Natale? Forse, ma questa ricetta potreste tenerla da parte per fare qualche regalo agli amici e parenti più golosi...sono biscotti molto facili da realizzare, che si tagliano a coltello e che chiusi ermeticamente in un contenitore si conservano per diversi giorni.

Ingredienti per circa 30 biscotti:
200 grammi di cioccolato fondente a pezzi
2 uova
160 grammi di zucchero (io ho usato quello di canna)
200 grammi di nocciole tostate
1 bustina di vanillina in polvere
200 grammi di farina bianca 00
1/2 bustina di lievito per dolci
1 cucchiaio di caffè in polvere (opzionale)


Con il Bimby:
Preriscaldare il forno a 180 gradi. Foderare una placca da forno con della carta da forno e tenere da parte. Mettere nel boccale il cioccolato e tritare 5 secondi a velocità 7. Trasferire in una ciotola capiente e aggiungere le nocciole. Senza lavare il boccale mettere le uova, lo zucchero, la vanillina e il caffè e mescolare 1 minuto a velocità 4. Aggiungere la farina e il lievito e mescolare 1 minuto a velocità 4. Trasferire nella ciotola con il cioccolato e le nocciole e mescolare. Versare il composto sulla teglia rivestita di carta da forno , adagiarvi sopra un altro foglio di carta da forno e con le mani o l'aiuto del matterello spianare il composto fino a raggiungere l'altezza delle nocciole (circa 1 cm). Rimuovere il foglio di carta superiore. Infornare per 15-20 minuti a 180 gradi ventilato.
Togliere dal forno e tagliare subito con un coltello il composto ricavando biscotti quadrati di circa 4 cm x 4 cm. Lasciare raffreddare e conservare in una scatola per biscotti.


Senza il Bimby:
Preriscaldare il forno a 180 gradi. Foderare una placca da forno con della carta da forno e tenere da parte. Tritare prima a coltello e poi nel mixer il cioccolato. Trasferire in una ciotola capiente e aggiungere le nocciole. In una ciotola a parte mescolare le uova, lo zucchero, la vanillina e il caffè, quindi aggiungere la farina e il lievito e mescolare ancora. Trasferire nella ciotola con il cioccolato e le nocciole e mescolare. Versare il composto sulla teglia rivestita di carta da forno , adagiarvi sopra un altro foglio di carta da forno e con le mani o l'aiuto del matterello spianare il composto fino a raggiungere l'altezza delle nocciole (circa 1 cm). Rimuovere il foglio di carta superiore. Infornare per 15-20 minuti a 180 gradi ventilato. Togliere dal forno e tagliare subito con un coltello il composto ricavando biscotti quadrati di circa 4 cm x 4 cm. Lasciare raffreddare e conservare in una scatola per biscotti

Buon appetito!

martedì 3 novembre 2015

Segnalazioni nuove uscite e una super promozione

Oggi è giornata di segnalazioni con una premessa: se ho dimenticato di segnalare sul blog alcuni dei vostri libri, abbiate pazienza e rimandatemi una mail… Non è disinteresse, ma semplicemente un periodo incasinato.
Detto questo vi segnalo qualche nuova uscita interessante e un libro in promozione gratuita…

“Deathless Prequel-L’ultimo Paradiso” 
di Simona Diodovich
Romance fantasy contemporaneo
Self Publishing
Prezzo Ebook: € 3.63 - 290 pagine
Prezzo Cartaceo: € 12 euro - 344 pagine
Link Amazon

Quarto capitolo della saga Deathless
Gli altri sono:
Deathless-Il mio nome è Carlie (volume 1)
Deathless-Sangue Perenne (volume 2)
Deathless-Il re dei demoni (volume 3)

Trama
Il tempo è effimero ma, a volte, sembra non voler passare mai. Si prende gioco di te, e della tua voglia di morire, per poter così porre fine alla tua lenta agonia. Ti guarda oltre lo specchio del tuo cuore e sorride beffardo, dicendoti che devi continuare, che non è ancora giunta la tua ora. Ma se la tua ora non dovesse giungere mai? Se il tuo compito è combattere per sempre, dove la trovi la forza per continuare? E quando pensi che sia finita e trovi colui con cui vuoi dividere il tuo cuore ferito per l’eternità, speri ancora che il tempo scorra veloce? Sono io che ho camminato in lungo e in largo il mondo intero, senza fermarmi, sempre combattendo, fiduciosa che un giorno tutto ciò avrà fine. Ancora oggi lo spero. Ancora oggi guardo lo specchio del mio cuore e spero di addormentarmi, infine. 
Esmeralda.

***
Solo una storia d'amore e di troppe paturnie - 2
di Momi Gatto
Collana: Trilogia delle paturnie
Pagine: 461
Editore: Youcanprint
Genere: Romance
Prezzo: 2,99
Link acquisto: Amazon - Kobo - Google - Mondadori Store

Trama
In Solo una storia d'amore e di troppe paturnie, Giulia e Davide si sono incontrati, sono diventati amici e, ognuno coi propri tempi, hanno scoperto di amarsi. In questo secondo capitolo della “Trilogia delle paturnie”, li vediamo gestire gli inizi del loro rapporto... una gestione che non sempre li trova sulla stessa lunghezza d’onda.
Solo una cosa potrebbe aiutarla nello scontro epico coi suoi timori, ascoltare senza filtri ciò che le dice Davide. Invece Giulia propende per i classici piedi di piombo imbrigliando sentimenti e impulsi, ma farlo con uno come lui si rivela presto impossibile. La schiettezza del pallanuotista, unita alle continue stoccate mirate a farle abbassare la guardia, la convincono ad abbandonare il lato oscuro delle paranoie. Peccato però che, nonostante lui ci si avvicini in modo quasi indecoroso, il ragazzo perfetto non esista. Detto ciò, alzi la mano chi non ha scambi di vedute col proprio innamorato, chi non ci litiga, chi non ha avuto una crisi... autorizzata o meno che fosse. Riuscirà il caratterino caparbio e frizzante della nostra protagonista a sostenerla nel tenere testa a quel turbine senza freni che è il suo fidanzato? 
Il punto di vista di Davide ha qui un po' più spazio, per permettervi di comprendere come ragiona e farvi aumentare l’infatuazione per lui… oppure la voglia di prenderlo a calci, chissà. Anche gli amici sono più presenti, pronti a intervenire bruscamente o meno quando il cervello dell'una o dell'altro rischia di implodere causa sovraccarico di emozioni.

Pagina Facebook dedicata alla trilogia delle paturnie

***
Fino alla fine della rete
di R. V. Beta
Da oggi in promozione per tutta la settimana

Trama
Insofferente alle regole ma incapace di affrancarsi da un’esistenza piatta e una vita sociale insoddisfacente, Daisuke, impiegato in una multinazionale, afferra al volo un’occasione per cambiare. 
Yuuki è una giovane pirata informatica che, spinta dalla sua smania di ribellione, potrebbe aver fatto un colpo troppo grosso. 
Daisuke e Yuuki, braccati da forze più grandi di loro, dovranno unire le forze e misurarsi con nuove sfide pur di sopravvivere. 
Carne e plastica scaraventati in un viaggio intenso, una finestra aperta sui fuochi d’artificio del ciberspazio e sulla periferia estrema della realtà, con la costante paranoia di essere scovati dagli onnipotenti guardiani dei lucchetti digitali.

lunedì 2 novembre 2015

Deathdate

"Cos'è che devi fare prima di morire?" chiede Paolo
"Essere sincero con la gente. Fare quello che mio padre non ha mai fatto per me. Dire a tutti qualcosa di vero che li farà stare meglio. E li aiuterà a capire se stessi"

Deathdate
di Lance Rubin
De Agostini

Trama
Denton Little ha diciassette anni e una sola certezza: morirà la notte del ballo di fine anno. Ma – escluso il pessimo tempismo – nulla di strano. Perché il mondo di Denton funziona così: tutti conoscono la data della propria morte, e tutti aspettano il fatidico momento contando i minuti. Per questo, fino a oggi, la vita di Denton è stata piuttosto normale: la scuola, gli amici e Taryn, la fidanzata. Ma ora mancano due giorni al ballo... e Denton sente di non avere più un secondo da sprecare. Non soltanto perché vuole collezionare più esperienze possibili in meno di quarantotto ore – la prima sbronza, la prima volta, e il primo tradimento – ma anche perché le cose sembrano essersi improvvisamente complicate. Chi è l’uomo sbucato fuori dal nulla che dice di avere un messaggio da parte di sua madre, morta ormai da molti anni? È soltanto un pazzo? E allora perché suo padre ha iniziato a comportarsi in modo tanto bizzarro? D’un tratto le ultime ore di Denton Little si trasformano in una corsa contro il tempo, una disperata ricerca della verità. E forse di una via d’uscita. Dalla straordinaria penna di Lance Rubin, il primo romanzo di una nuova serie distopica. Una lettura brillante, irriverente e provocatoria. Una storia che vi lascerà con il fiato sospeso e che metterà in dubbio tutte le vostre certezze.

***
Avete voglia di iniziare una nuova serie distopica che vi sappia inchiodare alla sedie, che vi faccia venire voglia di leggere in continuazione, ma anche riflettere sul senso della vita? Allora siete nel posto giusto, perché oggi vi voglio parlare di "Deathdate" di Lance Rubin edito da De Agostini e uscito a fine settembre.
Appena ho saputo che la Dea avrebbe portato questo libro in Italia ho fatto il conto alla rovescia fino alla data di uscita, quando, allo scoccare della mezzanotte, il libro era già sul mio Kindle ad attendermi. Perché la storia che ci racconta Rubin è di quelle che non lasciano indifferenti.
Immaginatevi un mondo dove al momento della nascita vi diranno quando sarà la vostra data di morte, un mondo dove ai funerali partecipa anche il futuro defunto ancora in vita, un mondo dove se devi morire la notte del ballo della scuola lo sai già. È così che vive Denton, noi lo incontriamo a poche ore dal fatidico giorno, in procinto di partecipare al suo funerale. Ma come si accetta una cosa così, come si vive sapendo che il giorno dopo morirai? A mio parere male, non vorrei mai sapere quando, potessi scegliere, per lo meno non vorrei saperlo per così tanto tempo. Invece il nostro protagonista non la vive così male, sarà che è cresciuto con questa consapevolezza, sarà che la sua indole è quella di un ragazzo tutto d'un pezzo, però affronta bene il funerale, la veglia in casa con i parenti. Fino a che la voglia di far luce su alcuni misteri non lo spinge ad osare…
Ho trovato il romanzo molto divertente, sì potrà sembrare strano ma è ricco di ironia, spunti di riflessione e azione. Non vedi l'ora di scoprire come e cosa accadrà e quando arrivi all'ultima pagina vorresti già avere tra le mani il secondo capitolo.
La scrittura è fluida, Lance Rubin riesce ad affrontare una tematica forte, ma allo stesso tempo lo fa con delicatezza e leggerezza. I personaggi sono spesso stravaganti, caricaturali, ma nonostante questo molto veri, aspetto che rende il libro ancora più godibile. Spesso ho avuto la sensazione di pochissima sincerità da parte di alcuni di loro, cosa che mi ha permesso di immedesimarmi ancora di più nella trama.
La De Agostini Young Adult prima dell'uscita del libro aveva coinvolto, tramite la sua pagina facebook (cliccate sul nome), noi lettori nella scelta della copertina. La sorpresa bellissima è stato ritrovare i nomi di tutti i partecipanti (e anche il mio) all'interno del libro, nei ringraziamenti speciali ai lettori. Ecco la foto che avevo postato su Instagram



Che aspettate? Buona lettura!