martedì 3 gennaio 2017

Domino letterario: Natale a Puffin Island

Torna anche questo mese il Domino Letterario, appuntamento che condivido con altri blog e che prevede di scegliere la propria lettura in base a quella della tessera precedente.

Oggi vi parlo di un libro perfetto per il periodo, venite con me a Puffin Island?

«Puffin Island è sempre stata speciale per me. È il mio santuario, il luogo nel quale posso rifugiarmi quando sono triste e ho dei problemi. Appena metto piede qui, comincio a vedere le cose in modo diverso»

Natale a Puffin Island
di Sarah Morgan
HarperCollins

Trama
Skylar Tempest non riesce proprio a cogliere il leggendario fascino di Alec Hunter. Sì, lui sarà anche l'unico e solo Cacciatore di Relitti, star televisiva di un programma che manda in visibilio milioni di spettatrici, ma per lei non ha mai una parola carina. Con lei è sempre cinico e la considera la classica bionda senza cervello ad alto livello di mantenimento. Così quando, per una serie di sfortunati eventi, a Sky si prospetta l'ipotesi di trascorrere i giorni prima di Natale insieme ad Alec e alla sua famiglia, non fa certo i salti di gioia. E lui non è da meno. Ha già avuto la sua dose di esperienze con donne simili. Una l'ha anche sposata e ne sta ancora pagando le conseguenze... e gli alimenti. Ma Natale è pur sempre un periodo magico, così come lo è Londra sotto la neve e la fiabesca campagna inglese. Soltanto però quando entrambi sono di nuovo a Puffin Island cominciano a capire di essersi mal giudicati. Forse non sono pronti a cominciare una storia d'amore, ma di certo un piccolo flirt sensuale e avventuroso non può fare male. O no?



Oggi vi parlo di un libro che mi ha riscaldato il cuore (ma succede con tutti quelli di Sarah Morgan) si tratta di Natale a Puffin Island edito da HarperCollins. Questa volta l'autrice ci fa conoscere meglio Alec e Sky, due persone che sin dal primo libro non hanno nascosto la profonda antipatia reciproca, ma che qui si troveranno a dover trascorrere del tempo assieme. Si parte dalla Londra addobbata a festa, per poi immergerci nella bellezza della campagna inglese, per poi arrivare finalmente a Puffin Island nel Maine. Il freddo polare, le tempeste di neve e il Natale alle porte, rendono questo libro perfetto per essere letto in questo periodo.

Incontriamo due protagonisti che, in modo diverso, non si fidano più dei sentimenti. Uno perché si è trovato a dover raccogliere i cocci di un matrimonio naufragato e dove il senso del dovere superava i sentimenti. L'altra perché si trova a fare i conti con quello che la sua famiglia desidera per lei, una relazione che non ha più senso e il profondo desiderio di trovare qualcuno, un giorno, che le faccia sentire di avere il cuore "troppo grande per stare nel petto". 

«Non scusarti di essere la persona che sei»

Sono tantissime le cose che Alec e Sky hanno in comune a partire da una grande passione per l'arte, fino ad arrivare a un'innata creatività e a un bisogno profondo di estraniarsi dal mondo.

Così il bel Alec ci farà sorridere e fare un po' innamorare e la frizzante Sky ci mostrerà le sue fragilità e la sua forza.

Due personaggi ben congegnati, nei quali - a tratti - sono riuscita a riconoscermi, perché quel desiderio di spazio, di un luogo dove pensare, di passeggiate alla ricerca di spunti lo sento molto mio.
La Morgan ci delizia con descrizioni profondamente suggestive, scorci magici di una natura che ha tanto da raccontare.

Un libro che fa venire voglia di sperimentare, di mangiare zuppe bollenti, farsi incantare dalla magia del Natale e circondarsi di amore.

«L'amore è sincero e generoso. Non conosce egoismo e non pretende nulla. È una tazza di tè bollente a letto in una giornata fredda, un massaggio ai piedi quando hai camminato per ore, un orecchio capace di ascolta è una parola di incoraggiamento in un momento di difficoltà. È aperto, accogliente, tollerante, non cerca di cambiarti. È dare, non pretendere. È azione, non parole»

10 commenti:

  1. Da come l'hai descritto non sembra male, anzi :D Io ancora non ho avuto la possibilità di leggere questa autrice... Purtroppo, perché mi hai intrigata molto ahah

    RispondiElimina
  2. Questa autrice è una garanzia *.*

    RispondiElimina
  3. In tanti mi hanno parlato bene di quest'autrice... devo rimediare!

    RispondiElimina
  4. Ciao Virgy, una splendida recensione per una leggera e calorosa lettura. Io ho adorato il cottage dei genitori di Alec. ♥.♥
    Un bacione ♥ e buon anno ♥

    RispondiElimina
  5. Non è sicuramente il mio genere, ma una delle frasi che hai riportato "Non scusarti di essere la persona che sei" è molto bella.

    RispondiElimina
  6. Non è proprio il mio genere, però mi piace tanto leggere le tue recensioni. <3

    RispondiElimina
  7. Wow! Questa sì che è una bella lettura natalizia, non come quella che ho fatto io! :(
    Bella recensione! ^_^

    RispondiElimina
  8. ho amato questo libro e i due protagonisti! E mi sono riconosciuta in molti aspetti della protagonista, soprattutto proprio per la sua necessità di spazio e comunque il desiderio di trovare qualcuno che le faccia sentire il cuore troppo grande, bellissimo! Baci <3

    RispondiElimina
  9. Non conosco quest'autrice e non ho letto mai nulla di suo. Credo che sia arrivato il momento, giusto per farmi un'idea!

    RispondiElimina